Bonus idrico 2021 per quali lavori si può ottenere. Lista interventi ufficiali

Via libera al nuovo bonus idrico 2021 per tutti i residenti in Italia: per quali lavori si può richiedere. Chiarimenti

Bonus idrico 2021 per quali lavori si pu

Cosa prevede il nuovo bonus idrico 2021?

Il nuovo bonus idrico 2021 da 1.000 euro rientra tra le misure approvate con la nuova Legge di Bilancio e vale per le spese di sostituzione di sanitari, rubinetti e soffioni doccia, ha un valore di mille euro ed è da usare entro il 31 dicembre 2021. 
 

Tra i diversi nuovi bonus introdotti dal governo con la nuova Legge di Bilancio spicca il nuovo bonus idrico 2021 ufficiale, per cui il governo ha previsto una dotazione di 20 milioni di euro per il 2021 e destinato a tutti, senza alcuna particolare differenza, coloro che decidono di effettuare determinati lavori stabiliti dal governo per il quale il bonus vale. Vediamo allora quali sono i lavori per i quali si può ottenere il bonus idrico 2021.

  • Bonus idrico 2021 ufficiale cosa prevede
  • Lista interventi ufficiali per cui avere bonus idrico 2021

Bonus idrico 2021 ufficiale cosa prevede

Il nuovo bonus idrico 2021 ha un valore di mille euro e non prevede particolari requisiti per potervi accedere. Spetta, infatti, a tutti coloro che sono residenti in Italia, non concorre alla formazione del reddito imponibile e non viene calcolato ai fini Isee. 

Mancano al momento termini e modalità per l’accesso al bonus idrico 2021 e si attende il relativo decreto attuativo da parte del Ministero dell’Ambiente entro 60 giorni dall’approvazione della Legge di Bilancio, quindi per il prossimo mese di febbraio 2021. 

Lista interventi ufficiali per cui avere bonus idrico 2021

Il nuovo bonus idrico deve essere usato entro il prossimo 31 dicembre 2021 e vale solo per determinati lavori che sono spese di sostituzione di sanitari, spese di sostituzione di rubinetti e spese di sostituzioni soffioni doccia. In particolare, stando a quanto stabilito dalla nuova Legge di Bilancio, il bonus idrico vale per i seguenti interventi:

  • sostituzione e posa in opera di sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri per i sistemi di scarico, comprese le opere idrauliche emurarie collegate nonchè di smontaggio e dismissione dei sanitari sostituiti;
  • installazione di rubinetti e soffioni per doccia, rispettivamente di controllo del flusso dell'acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto e portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, comprese le opere idrauliche e murarie collegate alla sostituzione di rubinetti e soffioni. 


 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il