Bonus ristrutturazione 110% impianto fotovoltaico quando si può ottenere o no. Requisiti necessari

Per l'installazione di impianti fotovoltaici è indispensabile migliorare l'efficienza energetica preesistente per sfruttare la detrazione al 110%. Vediamo tutti i dettagli.

Bonus ristrutturazione 110% impianto fot

La normativa approvata sul bonus ristrutturazione al 110% è piuttosto complessa poiché include numerosi casi particolari da conoscere prima di lanciarsi a capofitto sui lavori con la certezza di fruire dell'agevolazione economica.

Anche nel caso della realizzazione di un impianto fotovoltaico è quindi necessario prestare attenzione ai dettagli delle nuove regole inserite nel decreto Rilancio. Il punto di partenza è rappresentato dalle date in cui fare eseguire i lavori ovvero tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 e il tipo di agevolazione ammessa.

Il via libera è infatti concesso per tre macro interventi. Si tratta infatti della sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, degli interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali e degli interventi antisismici speciali.

Il principio di fondo è il raggiungimento del risparmio energetico qualificato. In buona sostanza è indispensabile migliorare l'efficienza energetica preesistente per sfruttare la detrazione al 110%. Vediamo in questo articolo

  • Impianto fotovoltaico, vale bonus ristrutturazione 110% o no
  • Quando si può ottenere bonus per impianto fotovoltaico, requisiti necessari

Impianto fotovoltaico, vale bonus ristrutturazione 110% o no

La detrazione a 110% può essere sfruttata anche per l'installazione di impianti fotovoltaici con accumulatore. Ma solo a determinate condizioni ovvero che i lavori siano eseguiti insieme a quelli del superbonus o sismabonus.

Naturalmente occorre avviare gli interventi nella fascia di tempo tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 e in ogni caso occorre rispettare le condizioni previste in termini di tetto massimo di spesa: 48.000 euro e comunque di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell'impianto ovvero 1.000 euro per ogni kW di capacità di accumulo, per accumulatori integrati.

A completezza del quadro normativo segnaliamo che prima del bonus ristrutturazione al 110%, l'installazione di un impianto fotovoltaico poteva fruire del bonus del 50% entro il plafond del recupero edilizio e per una spesa massima di 96.000 euro.

Insomma, il balzo in avanti introdotto con le nuove disposizioni è evidente, senza dimenticare la doppia possibilità di farlo valere ovvero con cessione del credito a una banca o un intermediario finanziario oppure con un sconto diretto in fattura da parte dell'impresa che effettua i lavori.

Quando si può ottenere bonus per impianto fotovoltaico, requisiti necessari

Sono quindi due i requisiti necessari per ottenere il bonus al 110% per impianto fotovoltaico, a cui aggiungere una condizione. L'intervento deve rientrare nell'ambito dei lavori del superbonus o sismabonus e vanno eseguiti nel corso dei 18 mesi tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

Allo stesso tempo, la spesa massima che può essere oggetto della facilitazione economica, al netto del concetto fondamentale della capienza fiscale, è di 48.000 euro.

La scelta di puntare sul fotovoltaico può risultare strategica perché l'energia prodotta dall'impianto, se non direttamente consumata, viene ceduta gratuitamente al Gestore dei servizi energetici.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie