Bonus scuole paritarie 2021 regionali, statali e Cei. Lista agevolazioni per chi si può fare domanda

Rimborsi, detrazioni e aiuti: cosa prevedono i bonus scuole paritarie 2021, chi emette i bandi e cosa prevedono norme in vigore

Bonus scuole paritarie 2021 regionali, s

Come fare domanda per bonus scuole paritarie 2021?

I bonus scuole paritarie 2021 sono banditi sia a livello regionale e statale e sia dalla Cei, conferenza episcopale italiana, e per presentare relativa domanda bisogna accedere ai siti istituzionali previsti, scaricare e compilare gli appositi modelli per poi rinviarli in attesa di erogazione del bonus spettante.
 

Quali sono i bonus scuole paritarie 2021 regionali, statali e Cei disponibili? Le scuole paritarie sono istituzioni scolastiche a metà strada tra scuola statale e scuola privata. Non si tratta cioè di scuole statali ma sono scuole che hanno comunque caratteristiche differenti dalle scuole private. 

Le scuole paritarie possono essere pubbliche ma non statali, erogano, dunque, il Servizio Nazionale d’Istruzione, ma non vengono gestite dallo Stato come le scuole statali e hanno completa libertà da un punto di vista dell’orientamento culturale e didattico. Le scuole paritarie possono, infatti, essere gestite da enti laici o religiosi e, a differenza delle scuole pubbliche, non hanno l’obbligo della laicità.

Inoltre, per la frequenza delle scuole paritarie è previsto il pagamento di una iscrizione a inizio anno e di una retta mensile, il cui costo varia da scuola a scuola, non è fisso ma neppure irrisorio come quello per le scuole statali. Vediamo allora quali sono e come fare domanda per avere le agevolazioni per la frequenza di scuole paritarie.

  • Bonus scuole paritarie 2021 regionali e statali
  • Bonus scuole paritarie 2021 Cei


Bonus scuole paritarie 2021 regionali e statali

Per la frequenza delle scuole paritarie sono previsti bonus che possono essere richiesti dai genitori di tutti i bambini che frequentano la scuola. E’ il Ministro della Pubblica Istruzione che ogni anno stabilisce, tramite apposito decreto, i criteri e i parametri per l’assegnazione dei contributi alle scuole paritarie e, in via prioritaria, a quelle che svolgono il servizio scolastico senza fini di lucro e non legate ad società aventi fini di lucro o da queste controllate. 

In ogni caso, i bonus per le scuole partitarie 20201 sia a livello regionale che a livello statale vengono assegnati in base a specifici requisiti. Per usufruire delle agevolazioni per le scuole paritarie bisogna innanzitutto controllare sempre sul sito istituzionale della propria Regione cosa è previsto in merito, leggere i requisiti e le condizioni richieste per la presentazione della domanda, compilarla e inoltrarla direttamente sul sito della stessa Regione di residenza.

Il bonus scuole paritarie permette di ricevere un rimborso di una determinata cifra spesa per la frequenza dei figli di una scuola paritaria, calcolato in maniera diversa per ogni regione, insieme, ricordiamo, alla possibilità di usufruire di una detrazione Irpef al 19% per la frequenza dei propri figli iscritti alle scuole paritarie.

Dalla Lombardia, alla Puglia, alla Basilicata, Emilia Romagna, Piemonte, Liguria, Lazione, ogni Regione definisce bandi per l’assegnazione dei bonus scuole paritarie 2021 e basta consultare la pagina di interesse sul sito della propria Regione per capire tempi, importi e requisiti necessari per fare la domanda. 

Bonus scuole paritarie 2021 Cei

Bonus per le scuole paritarie nel 2021 sono stati resi disponibili anche dalla Cei, Conferenza Episcopale Italiana, che ha bandito l'assegnazione di 20.000 sussidi dell'importo pari a 2mila ciascuno per aiutare nel pagamento delle rette delle scuole paritarie secondarie di primo (Medie) e secondo grado (Licei). 

Per conoscere e verificare i requisiti necessari per presentare domanda per avere il bonus scuole paritarie 2021 Cei, basta semplicemente accedere alla piattaforma Cei, scaricare e compilare il modulo per la domanda del bonus, inserendo tutti i dati anagrafici dell'alunno, reddito Isee del nucleo familiare di appartenenza e luogo e data e firma del o dei genitori. 


 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il