Carta di credito rubata o persa all'estero. Cosa fare

Bloccare la carta di credito e poi sporgere denuncia di smarrimento o furto: regole e procedure da seguire se si perde la carta di credito all’estero

Carta di credito rubata o persa all'estero. Cosa fare

Cosa fare in caso di smarrimento o furto di carta di credito all’estero?

Quando si è all’estero e si scopre di aver perso la carta di credito o di aver subito un furto, bisogna innanzitutto bloccare la stessa carta chiamando il numero dedicato della propria banca, e poi fare una denuncia di furto o smarrimento.

 

Può capitare che essendo in viaggio all’estero ci si rende conto di non avere più la carta di credito che magari può essere stata smarrita o anche rubata. Cosa fare in tal caso? E’ bene innanzitutto sapere che ogni banca ha i numeri di telefono che si possono contattare dall’estero nel caso di problemi proprio come furto o smarrimento di carta di credito o bancomat.

Basta conoscere il relativo numero della banca da contattare per bloccare immediatamente la carta, poi bisogna fare la denuncia di smarrimento o furto in una stazione della polizia locale e con la copia della denuncia la banca può emettere una nuova carta. Ma andiamo con ordine.

Cosa fare in caso di smarrimento o furto di carta di credito all’estero

Cosa accade e cosa fare nel caso di carta di credito persa o rubata all'estero? Quando si è all’estero e capita di accorgersi di non avere più la carta di credito, per smarrimento o furto, è innanzitutto necessario, come sopra accennato, contrattare il numero dedicato della propria banca per bloccare tempestivamente la carta, ricordandosi di fare sempre il prefisso dell’Italia +39.

Gli appositi numeri delle banche per il servizio di blocco delle carte di credito o bancomat sono attivi solitamente 24 ore su 24. Appena effettuata la telefonata, la carta viene bloccata.

Dopo aver bloccato la carta di credito all'estero, il secondo passo da compiere è quello di sporgere denuncia presso una stazione di polizia del luogo dove ci si trova, esattamente come accade nel caso anche di carta di identità smarrita o rubata all’estero, e bisogna farsi rilasciare copia della denunciata che deve essere poi inviata alla propria banca per avare una eventuale copia della carta o per contestare prelievi o spese effettuate nel caso di carta di credito rubata.

In questo caso si ottiene il rimborso solo dopo che la banca ha effettato tutte le verifiche necessarie e decide di restituire. Di norma viene rimborsato tutto il denaro eventualmente speso solo dopo la denuncia sporta. Dopodichè il titolare della carta di credito smarrita o rubata se è all’estero riceve dalla propria banca una carta sostitutiva di emergenza.

Cosa fare per evitare smarrimento o furto di carta di credito all’estero

Per evitare di incorrere in smarrimento o furto della carta di credito soprattutto quando si è all’estero, lontani da casa per cui spesso le procedure diventano complicare da svolgere è bene conoscere alcuni trucchetti e, innanzitutto, avere sempre una fotocopia della propria carta di credito, il recapito telefonico per il blocco e controllare regolarmente gli estratti conto.

Controllare sempre l’uso che si fa della carta di credito quando si effettua un acquisto in un negozio all’estero e, soprattutto, mai rispondere a email che chiedono dati personali o credenziali di accesso delle proprie carte di credito o bancomat che si presentano come email di verifica perché sono solo frodi per accedere ai dati sensibili dei titolari delle carte in modo da poter sottrarre loro tutti i soldi disponibili sui conti.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie