Cassa integrazione cooperative sociali quanto si prende. Calcolo stipendio, percentuale ed esempi

Gli elementi da considerare per calcolare la cassa integrazione dei lavoratori con contratto cooperative sociali

Cassa integrazione cooperative sociali quanto si prende. Calcolo stipendio, percentuale ed esempi

Quanto si prende in cassa integrazione con contratto cooperative sociali?

I lavoratori delle cooperative sociali in cassa integrazione, sia ordinaria sia straordinaria, generalmente percepiscono l’80% della retribuzione globale. Ma l’importo netto di cassa integrazione che percepiscono non è tale percentuale ma si riduce per effetto di applicazione di aliquota contributiva e Irpef.

Quanto si prende in cassa integrazione con contratto cooperative sociali? Per i lavoratori con contratto cooperative sociali in cassa integrazione valgono le stesse regole in vigore per tutti i dipendenti in cassa integrazione con riduzione o sospensione totale dell’attività lavorativa. Vediamo come si calcola lo stipendio in cassa integrazione cooperative sociali.

  • Cassa integrazione contratto cooperative sociali calcolo stipendio e percentuale
  • Esempi calcolo cassa integrazione lavoratore cooperative sociali

Cassa integrazione contratto cooperative sociali calcolo stipendio e percentuale

I lavoratori in cassa integrazione, sia in cassa integrazione ordinaria e sia in cassa integrazione straordinaria, come previsto dalla legge, percepiscono l’80% della retribuzione e non è possibile in ogni caso che l'importo superi il limite massimo mensile stabilito di anno in anno dall’Inps per l’erogazione della prestazione.

I limiti massimi mensili di reddito 2020 stabiliti dall’Inps entro i quali si prende o meno l’80% di cassa integrazione sono:

  • 998,18 euro per le retribuzioni fino a 2.159,48 euro per la generalità dei settori;
  • 1.197,82 euro per le retribuzioni fino a 2.159,48 euro per il settore edile;
  • 1.199,72 euro per le retribuzioni oltre 2.159,48 euro per la generalità dei settori;
  • 1.439,66 euro per le retribuzioni oltre 2.159,48 euro per il settore edile.

Tuttavia, nonostante la percentuale di cassa integrazione prevista per i lavoratori delle cooperative sociali sia dell’80% non significa che lo stipendio percepito in cassa integrazione rispecchia tale percentuale, considerando che bisogna applicare alla somma anche aliquota contributiva e di imposizione Irpef.

Esempi calcolo cassa integrazione cooperative sociali

Il calcolo della cassa integrazione dei lavoratori contratto cooperative sociali prevede il calcolo dell’80% dello stipendio lordo percepito dal lavoratore, cui applicare l’aliquota Irpef relativa nonché l'aliquota per i contributi previdenziali che per la maggior parte dei lavoratori è del 9,19%, mentre per gli apprendisti è ridotta del 5,84%

Per esempio, per un lavoratore con contratto cooperative sociali in cassa integrazione inquadrato ne Livello B1, operaio qualificato, con uno stipendio lordo di circa 1.200 euro, l'80% sarebbe di circa mille euro, somma che si riduce ancora arrivando a circa 900 euro, o poco più, applicando la relativa aliquota Irpef in base allo scaglione di reddito di appartenenza.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie