Che cos'è il tribunale della famiglia (per le persone, per i minorenni e per le famiglie) al via nel 2022

Istituito nuovo Tribunale per la famiglia per occuparsi in maniera unitaria di questioni relative a coniugi e minorenni: cosa prevede la novità

Che cos'è il tribunale della famiglia (p

Che cos'è il Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie?

Il nuovo Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie è un nuovo ufficio giudiziario unico che si occuperà delle cause ‘di famiglia’, quelle cioè riguardanti separazioni e divorzio, adozioni, affidamento dei figli, reati commessi dai minorenni, inglobando le competenze che attualmente sono di Tribunale civile ordinario e Tribunale per i minorenni.

La nuova riforma della giustizia firmata dal ministro Marta Cartabia prevede diverse nuove norme che riguardano prescrizione, appello, indagini preliminari, misure alternative e prevedono l’introduzione del nuovo Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie, un nuovo tribunale che, come ben immaginabile, si occuperà delle ‘cose’ riguardanti le famiglie. Vediamo nel dettaglio cos’è il nuovo tribunale della famiglia? 

  • Tribunale per le persone, per i minorenni, per le famiglie cos’è
  • Tribunale per le persone, per i minorenni, per le famiglie di cosa si occuperà


Tribunale per le persone, per i minorenni, per le famiglie cos’è

Finora Tribunale civile ordinario e Tribunale per i minorenni si sono occupati delle questioni riguardanti la famiglia, coniugi e minori, ma la riforma Cartabia ha istituito il nuovo Tribunale per la famiglia.

Il nuovo Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie è un nuovo ufficio giudiziario unico che si occuperà delle cause ‘di famiglia’, quelle cioè riguardanti separazioni e divorzio, procedimenti di adozioni, affidamento di figli, reati commessi dai minorenni. 

I diversi procedimenti riuniti in un unico nuovo tribunale saranno, inoltre, gestiti da un solo giudice. Il nuovo Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie sarà composto dalla sezione distrettuale e dalle sezioni circondariali. 

La sezione distrettuale sarà costituita presso ogni sede di corte di appello o di sezione di corte d'appello, mentre le sezioni circondariali saranno costituite presso ogni sede di tribunale ordinario, ubicata nel distretto di sede di corte di appello o di sezione di corte d'appello in cui si trova la sezione distrettuale. 

Alle sezioni distrettuali, stando a quanto stabilito dalla nuova riforma delle Giustizia, saranno trasferite le competenze civili, penali e di sorveglianza del tribunale per i minorenni.

Entro il 31 dicembre 2022 si attendono i decreti legislativi di attuazione, che però avranno efficacia solo dopo due anni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, ed entro il 31 dicembre 2024 si attende la definizione delle norme per regolare la fase transitoria e le date da cui i procedimenti saranno trasferiti al nuovo Tribunale della famiglia.

Tribunale per le persone, per i minorenni, per le famiglie di cosa si occuperà

Stando, dunque, a quanto stabilito, il nuovo Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie si occuperà, nel dettaglio, delle diverse questioni oggi spettanti al tribunale civile, penale e di sorveglianza per i minorenni, o al tribunale civile ordinario, per le cause riguardanti lo stato e la capacità delle persone, o di separazioni, divorzi, unioni civili, convivenze, di risarcimento del danno endofamiliare.

Il nuovo Tribunale per la famiglia si sostituirà anche al giudice tutelare relativamente a tutti i provvedimenti che riguardano i minori.


 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il