Che cos'è lo stress psicologico sul lavoro. Spiegazione e significato

Alcune recenti ricerche in materia hanno dimostrato che una serie di strategie psicologiche possono essere efficaci nella gestione dello stress psicologico sul lavoro.

Che cos'è lo stress psicologico sul lavo

Stress psicologico sul lavoro, che cos'è?

I problemi che possono contribuire allo stress psicologico includono di solito cattive condizioni fisiche, scadenze non realistiche, lunghe ore o un carico di lavoro ingestibile. Dal punto di vista psicologico, le conseguenze sono irritabilità, sbalzi d'umore, preoccupazione, impotenza, senso di disconnessione da colleghi e altri, difficoltà di concentrazione e di memoria o problemi con il processo decisionale.

La maggior parte dei lavori comporta un certo livello di stress. Anzi, è difficile trovare un impiego che sia a stress zero perché occorre sempre rispondere a qualcuno se non a se stesso. Il livello oscilla nel tempo a causa di vari fattori, ma quando lo stress professionale diventa eccessivo o cronico possono sorgere problemi significativi per la salute fisica di un individuo con comparsa di stati di ansia e problemi legati all'umore.

Di certo il sostegno di colleghi e datore nell'ambiente di lavoro può aiutare a sentirsi più sicuri delle proprie capacità di gestione dello stress.

Il supporto può essere strumentale con la dotazione di strumenti adeguati per lo svolgimento dei propri compiti. Oppure emotivo con una rassicurazione di tanto in tanto. ma anche informativo con consigli o tutoraggio professionale. Esaminiamo in questo articolo

  • Stress psicologico sul lavoro, che cos'è
  • Come si manifesta lo stress psicologico sul lavoro

Stress psicologico sul lavoro, che cos'è

I problemi che potrebbero contribuire allo stress psicologico includono di solito cattive condizioni fisiche, scadenze non realistiche, lunghe ore o un carico di lavoro ingestibile. Ma possono incidere anche fattori specifici del ruolo del lavoratore nell'azienda, come confusione sulle responsabilità, scarso adattamento, difficoltà di gestione del tempo o dei rapporti con i colleghi, incertezza sul futuro dell'impresa.

Da non sottovalutare sono proprio i problemi di relazione ovvero lo scarso sostegno da parte dei supervisori, conflitti con i colleghi, molestie, discriminazione o bullismo.

Un ruolo centrale può ricoprirlo la stessa azienda in termini di bassi livelli di controllo percepito sulle attività lavorative, supervisione eccessiva, mancanza di consultazione su questioni importanti, problemi di budget, pressione per completare le attività lavorative o controllare le e-mail al di fuori del normale orario di lavoro.

Non mancano quindi i fattori esterni tra lunghi spostamenti per andare al lavoro, mancanza di sonno, perdita di un familiare, separazione o divorzio, malattie mentali o fisiche.

Come si manifesta lo stress psicologico sul lavoro

I segnali di stress da lavoro possono includere disturbi fisici o peggioramento di problemi esistenti come mal di testa, dolori muscolari, palpitazioni cardiache, ipertensione, affaticamento, difficoltà di sonno o disturbi di stomaco. Ma naturalmente anche psicologici come irritabilità, sbalzi d'umore, preoccupazione, impotenza, senso di disconnessione da colleghi e altri, difficoltà di concentrazione e di memoria o problemi con il processo decisionale.

Per non parlare delle conseguenze a livello comportamentale che si traducono in frequenti assenze per malattia dal lavoro, bassa produzione sul lavoro, tanti errori nello svolgimento della propria attività, esecuzione di prestazioni al di sotto del normale standard, fumare più del solito o assumere farmaci con o senza prescrizione medica per rilassarsi dopo il lavoro.

Alcune recenti ricerche in materia hanno dimostrato che una serie di strategie psicologiche possono essere efficaci nella gestione dello stress psicologico sul lavoro. Riconoscere e sfidare pensieri e atteggiamenti inutili è una strategia altamente efficace per la gestione dello stress psicologico sul lavoro. Significa identificare una situazione specifica che causa stress, sviluppare alternative oggettive per combattere questi pensieri e migliorare la gestione del tempo. Se combinate con l'uso di un dialogo interiore positivo, le tecniche di gestione del tempo possono avere un impatto duraturo sullo stress da lavoro.

Qualche idea? Iniziare la giornata lavorativa rivedendo o pianificando gli eventi, comprese le pause per riposarsi e mangiare. Oppure stilare un elenco delle cose da fare e stabilire le priorità in base all'urgenza o all'importanza. Preferibile ridurre al minimo le distrazioni e le interruzioni e imparare a dire no a richieste al di fuori delle proprie responsabilità lavorative. E se possibile, delegare responsabilità ad altri.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il