Chi è un freelance secondo le leggi 2021 in vigore attualmente? Definizione, spiegazione ed esempi

Ogni lavoro ha pro e contro, e il freelance non è diverso. Essere consapevoli delle sfide permette di non farsi cogliere impreparati.

Chi è un freelance secondo le leggi 2021

Freelance, chi è secondo le leggi 2021?

Il freelance è una modalità di svolgimento del lavoro che non si basa sull'assunzione in un'azienda. Il freelance usa le proprie capacità ed esperienza per fornire servizi a un numero non limitato di clienti.

Sia che si voglia essere il capo di se stessi, provare una nuova carriera o avere un'attività secondaria che si concentra sul proprio progetto, il freelance può essere la strada da percorrere. A patto di sapere cosa significa essere freelance, quali sono le difficoltà e le opportunità che si presentano. In sintesi, un lavoro freelance è quello in cui una persona lavora per se stessa, piuttosto che per un'azienda.

Mentre i liberi professionisti assumono lavori a contratto per aziende e organizzazioni, in definitiva sono lavoratori autonomi. I liberi professionisti sono responsabili di tutti i tipi di cose che i dipendenti tradizionali non sono, come impostare le loro ore di lavoro, tenere traccia del tempo trascorso su diversi progetti, fatturare i clienti e pagare le proprie tasse di lavoro e aziendali. I liberi professionisti non sono considerati dipendenti dalle aziende per cui lavorano, ma piuttosto appaltatori. Vediamo in questo articolo:

  • Freelance, chi è secondo le leggi 2021

  • Definizione, spiegazione ed esempi freelance

Freelance, chi è secondo le leggi 2021

Il freelance è una modalità di svolgimento del lavoro che non si basa sull'assunzione in un'azienda. Il freelance usa le proprie capacità ed esperienza per fornire servizi a un numero non limitato di clienti. Il freelance usa le proprie capacità, istruzione ed esperienza per lavorare con più clienti e assumere vari incarichi senza impegnarsi con un singolo datore di lavoro. Il numero di incarichi o attività che può svolgere dipende dalla capacità di eseguirli come richiesto da loro.

Ci sono alcune qualità che bisogna possedere per prepararsi al successo come freelance. Nessun capo osserva con la coda dell'occhio e i colleghi non sono lì per giudicare quando non si lavora. Ma l'autodisciplina è necessaria per rimanere in pista. La perseveranza è sempre importante, ma lo è ancora di più quando l'attività di libero professionista è all'inizio e si sta cercando lavoro.

Il freelance è responsabile di molti compiti diversi. Deve tenere traccia delle entrate e delle spese, rispondere prontamente alle e-mail dei clienti, rispettare le scadenze, mantenere ordinati i file e assicurarsi che il carico di lavoro sia gestibile. Essere un libero professionista implica molta comunicazione. Bisogna essere disposto ad avere conversazioni difficili, come negoziare un prezzo più alto o rompere con un cliente o gestirlo con tatto e professionalità. Non c'è un capo o un altro collega che si occupi del lavoro sporco.

Definizione, spiegazione ed esempi freelance

Ogni lavoro ha pro e contro e il freelance non è diverso. Essere consapevoli delle sfide permette di non farsi cogliere impreparati. Avere il controllo del proprio carico di lavoro, dei clienti con cui si lavora e delle entrate è un vantaggio significativo del freelance. Quando si è freelance, si è al posto di guida. Si determinano quali lavori accettare, per quali clienti vuoi lavorare e il tasso di retribuzione.

A seconda del livello di competenza, è possibile lavorare a tempo parziale ma pagare a tempo pieno. Flessibilità e lavoro a distanza sono anche un vantaggio. La maggior parte delle volte, lavorare su progetti freelance comporterà il lavoro presso il proprio ufficio a casa durante le ore scelte. Si hanno scadenze da rispettare, ma è il freelance a decidere quando e dove lavorare. Con il massimo del controllo arrivano ulteriori responsabilità.

Come libero professionista, si è imprenditore di se stessi e occorre tenere sotto controllo le tasse, le fatture, i pagamenti ricevuti , trovare la tua assicurazione sanitaria e acquistare ogni parte del software e della tecnologia di cui si ha bisogno per completare il lavoro.

In sintesi, il freelance non ha orari e sedi di lavoro imposti, gestisce in autonomia i periodi di riposo e, almeno potenzialmente, i guadagni sono molto alti. Di contro, tra scadenze, consegne, fatture non si ferma mai. Allo stesso tempo non ha uno stipendio fisso e le responsabilità lavorative sono elevate. Dopodiché, al di là dell'assistenza di un commercialista, deve occuparsi della parte amministrativa e di quella contabile.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il