Chi rientra nelle categorie protette 2021 per le assunzioni nella pubblica amministrazione. Lista aggiornata

Specificatamente nella pubblica amministrazione c'è la possibilità di indire concorsi esclusivi per l persone con disabilità ovvero per le categorie protette.

Chi rientra nelle categorie protette 202

Assunzioni nella pubblica amministrazione, quali sono le categorie protette?

Rientrano nelle categorie protette anche invalidi di guerra, civili, civili di guerra, del lavoro e per servizio, non vedenti, sordomuti.

Quando si parla di assunzioni nella pubblica amministrazione occorre sempre fare riferimento ai concorsi. Per lavorare in questo settore e dunque diventare uno statale a tutti gli effetti, sia negli uffici centrali (i Ministeri, ad esempio) e sia in quelli locali (Regioni e Comuni, ad esempio), occorre partecipare a un concorso, previo possesso dei requisiti richiesti, e naturalmente vincerlo.

Una parte dei posti messi a concorso nella pubblica amministrazioni è riservato alle categorie protette.

Il loro numero va di pari passo con le assunzioni previste ovvero sono legati da un rapporto di diretta proporzione. Ma cosa si intende con questa definizione? Quali sono le figure che ricevono una tutela specifica? La lista aggiornata 2021 è molto lunga:

  • Assunzioni nella pubblica amministrazione, quali sono le categorie protette
  • Categorie protette tra gli statali secondo la normativa 2021 aggiornata

Assunzioni nella pubblica amministrazione, quali sono le categorie protette

Possono accedere ai servizi della pubblica amministrazione i soggetti disabili iscritti negli elenchi previsti.

Si tratta di invalidi civili affetti da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali, portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%; invalidi con capacità di lavoro ridotte a meno di un terzo; invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33%; invalidi di guerra; invalidi civili di guerra e per servizio; persone non vedenti o sordomute.

Possono inoltre accedere i soggetti appartenenti alle categorie protette: familiari delle vittime del dovere, esclusivamente in via sostitutiva dell'avente diritto a titolo principale e anche se non in stato di disoccupazione e vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, anche se non in stato di disoccupazione.

Ma anche vittime del dovere, anche se non in stato di disoccupazione, orfani e coniugi superstiti dei deceduti per causa di lavoro anche se non in stato di disoccupazione, di guerra, di servizio oppure in conseguenza dell'aggravarsi dell'invalidità riportata per tali cause, collaboratori di giustizia, familiari delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, esclusivamente in via sostitutiva dell'avente diritto a titolo principale e anche se non in stato di disoccupazione, coniugi e figli di persone riconosciute grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro esclusivamente in via sostitutiva dell'avente diritto a titolo principale, orfani dei crimini domestici, profughi italiani rimpatriati, gli orfani di Rigopiano, sulla base di un'apposita legge emanata nel 2018.

In tutti questo casi, la quota di riserva ovvero il numero di disabili da assumere obbligatoriamente viene calcolata in virtù di una base di computo ovvero del numero di statali già presenti.

In ogni caso, sono esonerati dall'obbligo dell'assunzione di categorie protette i settori del trasporto pubblico aereo, marittimo e terrestre e del trasporto delle funivie in relazione al personale viaggiante e navigante e al personale direttamente adibito alle aree operative di esercizio e regolarità dell'attività di trasporto.

Categorie protette tra gli statali secondo la normativa 2021 aggiornata

Specificatamente nella pubblica amministrazione c'è la possibilità di indire concorsi esclusivi per le persone con disabilità. La partecipazione è legata al rispetto dei requisiti richiesti e al candidato può essere richiesta la presentazione di documenti di certificazione del suo stato ovvero la percentuale di invalidità e la categoria di appartenenza, oltre alla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità.

Anche altri settori presentano limitazioni per alcune mansioni. Succede ad esempio in relazione ai servizi di polizia, della protezione civile e della difesa nazionale. In queste situazioni, l'assunzione di categorie protette è prevista esclusivamente nei soli servizi amministrativi. In tutti i casi, i bandi di concorso sono pubblicati nella sezione Concorsi ed esami della Gazzetta Ufficiale.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il