Come avere la certificazione per poter andare in pensione con opzione donna nel 2022 e negli anni successivi

Richiesta direttamente all’Inps della certificazione Ecocert per andare in pensione con opzione donna nel 2022 e oltre: regole in vigore e chiarimenti

Come avere la certificazione per poter a

Come avere la certificazione per andare in pensione con opzione donna nel 2022 e negli anni successivi?

Una apposita certificazione che attesti la possibilità di andare in pensione con opzione donna nel 2022 e negli anni successivi, cioè una volta che la misura sarà esaurita, non c’è effettivamente. La certificazione necessaria per poter andare in pensione con opzione donna quando la misura, ancora sperimentare, terminerà è quella relativa ai versamenti contributi effettuati dalla lavoratrice, il cosiddetto Ecocert, estratto conto contributivo, che può essere richiesto direttamente all’Inps. 
 

Andare in pensione con opzione donna permette alle lavoratrici, sia dipendenti (pubbliche e private) e sia autonome e libere professioniste, di anticipare il momento dell’uscita, rispettivamente, a 58 e a 59 anni di età a condizione di aver maturato almeno 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2021.

Per la decorrenza effettiva della pensione con opzione donna, le lavoratrici devono comunque tenere in considerazione le due finestre mobili previste di 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e di 18 mesi per le lavoratrici autonome. 

Altra condizione per andare in pensione con opzione donna è quella di accettare il calcolo della pensione finale esclusivamente con sistema contributivo, il che vorrebbe dire in alcuni casi, se non la maggior parte, penalizzazioni sull’importo finale di pensione. L’opzione donna per andare in pensione prima è una misura ancora sperimentale che entro la fine del 2021 dovrebbe esaurirsi. Vediamo allora qual è e come avere la certificazione per andare in pensione con opzione donna nel 2022 e negli anni successivi.  

  • Come avere certificazione per andare in pensione con opzione donna nel 2022 e anni successivi
  • Andare in pensione con opzione donna nel 2022 e anni successivi come fare


Come avere certificazione per andare in pensione con opzione donna nel 2022 e anni successivi

Una apposita certificazione che attesti la possibilità di andare in pensione con opzione donna nel 2022 e negli anni successivi, cioè una volta che la misura sarà esaurita, non c’è effettivamente. La certificazione necessaria per poter andare in pensione con opzione donna quando la misura, ancora sperimentare, terminerà è quella relativa ai versamenti contributi effettuati dalla lavoratrice, il cosiddetto Ecocert, estratto conto contributivo, che può essere richiesto direttamente all’Inps o scaricato online.

L’Ecocert è, infatti, il documento che certifica tutti i versamenti dei contributi previdenziali effettuati dalla lavoratrice nel corso della sua vita lavorativa, chiarendo se ci siano contributi eventualmente mancanti o altri problemi.

Ricordiamo che ai fini della pensione anticipata con opzione donna i contributi previdenziali validi sono:

  • contributi obbligatori;
  • contributi volontari;
  • contributi da ricongiunzione;
  • contributi da riscatto;
  • contributi figurativi riconosciuti per cassa integrazione guadagni straordinaria, misure di accompagnamento alla pensione (isopensione e assegno straordinario al reddito), lavori socialmente utili, assistenza antitubercolare a carico dell’Inps, servizio militare, assenza dal lavoro per donazione sangue, riposi giornalieri, assenze dal lavoro per malattia del bambino, congedo per gravi motivi familiari, permesso retribuito per la Legge 104/92 (handicap grave) e congedo straordinario per la Legge 388/2000 (handicap grave), periodi di aspettativa per lo svolgimento di funzioni pubbliche elettive o per l’assunzione di cariche sindacali.

Andare in pensione con opzione donna nel 2022 e anni successivi come fare

La possibilità di andare in pensione con opzione donna nel 2022 e negli anni successivi pur se la misura si esaurirà entro il 31 dicembre è valida per effetto della cosiddetta cristallizzazione del diritto alla pensione maturato. 

La cristallizzazione del diritto alla pensione con una determinata forma pensionistica permette ai pensionandi di andare in pensione con la forma pensionistica prescelta anche se si esaurisce entro un determinato periodo di tempo a condizione, chiaramente, di maturare entro il periodo di validità della stessa i necessari requisiti richiesti.

Ciò significa che la cristallizzazione del diritto alla pensione con opzione donna consente a tutte le donne lavoratrici, sia dipendenti pubbliche e private, sia lavoratrici autonome, di andare in pensione prima, rispettivamente, a 58 anni e 59 anni di età avendo maturato 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2020 anche dopo il 2021, quando cioè la misura dovrebbe esaurirsi, e quindi anche nel 2022 e negli anni successivi. 

Per cristallizzare il diritto alla pensione con opzione donna non si presenta alcuna domanda specifica perché una volta maturato il diritto alla pensione con tale forma pensionistica raggiungendo i requisiti richiesti, lo stesso diritto alla pensione con opzione donna resta per sempre.

L’unica domanda che bisogna presentare è quella di pensione opzione donna all’Inps esattamente come per la pensione con ogni altra forma pensionistica.  La domanda di pensione con opzione donna si può presentare sempre, nel 2022 e negli anni successivi anche se e una volta esaurita eventualmente la misura, che al momento è ancora sperimentale. 
 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il