Come cambiare amministratore, revoca prima scadenza mandato

Revocare l’amministratore di condominio dal proprio incarico per decisione dell’assemblea o anche dell’autorità giudiziaria: motivi

Come cambiare amministratore, revoca prima scadenza mandato

Come cambiare amministratore di condominio prima della scadenza del mandato?

Per cambiare amministratore di condominio prima della scadenza del suo mandato è possibile procedere alla revoca che può essere ad opera dell’assemblea di condominio, con o senza giusta causa, ma può anche avvenire da parte dell’autorità giudiziaria.

L’amministratore di condominio viene nominato dall'assemblea condominiale che ha sia il compito di nomina sia il successivo eventuale rinnovo dell’incarico o revoca dell’amministratore. Se, però, l’amministratore di condominio non viene nominato dall’assemblea condominiale o non si raggiunga una maggioranza su nessun candidato, può toccare al tribunale ordinario in sede di volontaria giurisdizione deciderne la nomina. Vediamo, invece, come fare a revocare mandato all’amministratore di condominio prima della scadenza del mandato.

  • Come cambiare amministratore di condominio prima della scadenza del mandato
  • Come fare revoca mandato ad amministratore di condominio prima della scadenza

Come cambiare amministratore di condominio prima della scadenza del mandato

L’amministratore del condominio può essere cambiato prima della scadenza del suo mandato e revocato dal suo incarico senza necessariamente attendere la fine del suo lavoro. A decidere l’eventuale revoca del mandato è, come accennato a inizio, l’assemblea condominiale che può pertanto decidere di cambiare amministratore per diversi motivi.

L’amministratore di condominio può essere, infatti, revocato dal suo incarico sia per giusta causa, nei casi cioè di cattiva condotta, sia senza giusta causa. Il primo caso si verifica quando l’amministratore si rende colpevole di gravi irregolarità o compie atti in malafede non agendo nel bene e negli interessi del condominio che amministra, considerando che al momento del conferimento dell’incarico l’amministratore di condominio accetta di osservare determinati obblighi e doveri.

La revoca per giusta causa avviene da parte dell’assemblea condominiale e in tal caso non è previsto alcun risarcimento, diversamente da quanto invece avviene nel caso di revoca senza giusta causa. Per la revoca dell’amministratore di condominio dal suo incarico prima della scadenza del suo mandato l’assemblea condominiale deve raggiungere la maggioranza dei condomini che rappresenti almeno la metà del valore dell’edificio e che gli appartamenti di questi abbiano un valore complessivo di almeno 500 millesimi.

Come fare revoca mandato ad amministratore di condominio prima della scadenza

Per revocare l’amministratore di condominio prima della scadenza del suo mandato, dunque, è necessario che sia l’assemblea condominiale a prendere la decisione in maniera regolare secondo i criteri di voto previsti per legge.

Per la revoca dell’amministratore di condominio, è necessario indicare il punto nell’ordine del giorno in sede di convocazione dell’assemblea di condominio e l’omessa convocazione dell’assemblea per la revoca dell’amministratore di condominio in carica e la nomina di un nuovo amministratore rappresenta una grave irregolarità idonea.

Come sopra accennato, però, la revoca dell’amministratore di condominio può anche essere disposta dall’autorità giudiziaria, su ricorso di ogni condominio come previsto dal Codice Civile e per gravi irregolarità, come quelle fiscali nel caso in cui l’amministratore non abbia aperto o utilizzato il conto corrente condominiale, e l’amministratore revocato dall’autorità giudiziaria non può essere di nuovo nominato dall’assemblea.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie