Come controllare lavoro e onestà amministratore di condominio? Le soluzioni legislative previste

Revisore condominiale, consiglio di condominio o condomini stessi: come si può controllare il lavoro di un amministratore di condominio

Come controllare lavoro e onestà amminis

Come controllare il lavoro di un amministratore di condominio?

Le soluzioni legislative previste dalle norme attuali che permettono di controllare in maniera pienamente legale il lavoro di un amministratore di condominio sono quelle di nomina di un revisore condominiale, da parte dell’assemblea, che acquisisce poteri ispettivi e di accesso agli atti e svolge un’attività di monitoraggio e di controllo. In alternativa, il controllo del lavoro di un amministratore di condominio può spettare anche a consiglio di condominio o condomini stessi e titolari di diritti reali o di godimento sulle unità immobiliari.

Come controllare il lavoro di un amministratore di condominio? L’amministratore di condominio viene nominato dall’assemblea con il compito di gestire l’andamento, appunto, del condominio, occupandosi di contabilità, manutenzione, riscossione delle spese condominiali, ecc.

Una volta nominato, l’amministratore di condominio rimane in carica per un anno e può essere poi riconfermato nel suo ruolo ma la sua nomina può anche essere revocata prima della scadenza del mandato nel caso di negligenze e inadempienze. Secondo quanto stabilito dal Codice Civile, infatti, sono diversi i casi in cui si può revocare la nomina di un amministratore di condominio, per esempio per mancata esecuzione di deliberazioni dell’assemblea, o per mancata riscossione delle spese condominiali, ecc.

Vediamo allora quali sono le soluzioni legislative che si possono adottare per controllare il lavoro di un amministratore di condominio.

  • Come controllare il lavoro di un amministratore di condominio con revisore
  • Altre soluzioni legislative per controllare lavoro amministratore di condominio

Come controllare il lavoro di un amministratore di condominio con revisore

Una soluzione legislativa tra quelle possibili per controllare il lavoro di un amministratore di condominio è la nomina di un revisore condominiale. Il revisore contabile, secondo quanto previsto dalle leggi in vigore, può essere nominato dall'assemblea con il compito di verificare il lavoro dell'amministratore di condominio e di controllare la contabilità condominiale, ha poteri ispettivi e di accesso agli atti e svolge un’attività di monitoraggio, di controllo e consultiva.

La figura del revisore condominiale è fondamentale per controllare quanto viene nascosto da una cattiva gestione dell’amministratore di condominio e nell’ambito dell’esercizio delle funzioni che gli sono state attribuite, può portare a controversi condominiali.

Altre soluzioni legislative per controllare lavoro amministratore di condominio

Le alternative al revisore condominiale per il controllo del lavoro dell'amministratore di condominio sono:

  • consiglio di condominio, che ha funzione consultiva e di controllo, incarico svolto a titolo gratuito;
  • condomini stessi e titolari di diritti reali o di godimento sulle unità immobiliari, che hanno possono accedere ai documenti relativi a condominio e relativa gestione in qualsiasi momento desiderino o ne abbiano bisogno. 





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il