Come fare domanda e a chi per essere riconosciuti lavoratori fragili. Procedura passo dopo passo

La questione è particolarmente avvertita nel mondo della scuola e un ruolo centrale viene ricoperto dal dirigente scolastico che prescrive la visita medica al lavoratore.

Come fare domanda e a chi per essere ric

Lavoratori fragili, come fare domanda?

Passaggio fondamentale per la presentazione della domanda per il riconoscimento della condizione di lavoratore fragile è la visita medica di accertamento da richiedere al datore di lavoro. Basta compilare l'istanza su un semplice foglio in cui siano chiaramente indicate le generalità del lavoratore e la richiesta. Sono 3 i medici autorizzati a effettuare il controllo.

Continua a essere al centro dell'attenzione la figura dei lavoratori fragili. L'emergenza sanitaria non è terminata e i lavoratori che presentano uno stato di salute con maggiore rischio in caso di contagio da coronavirus sono alla ricerca del modo per il riconoscimento del proprio status.

Precisiamo subito che non c'è un riferimento normativo unico poiché, in seguito ai primi decreti della presidenza del Consiglio, sono saltate fuori altre indicazioni che stanno definendo i contorni. Non da ultimo la circolare congiunta dei Ministeri della Salute e del Lavoro e delle Politiche Sociali secondo cui non è sufficiente l'età avanzata per rientrare nella categoria dei lavoratori fragili.

Normativa alla mano, i lavoratori fragili sono quelli maggiormente esposti a rischio di contagio da Covid-19 per via dell'età certo (over 55), ma anche per la condizione di rischio che deriva da immunodepressione o da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o comunque da morbilità che possono caratterizzare una maggiore rischio.

In caso di riconoscimento della condizione di fragilità scatta allora la sorveglianza sanitaria eccezionale che viene assicurata dal datore di lavoro su richiesta del dipendente. Il lavoratore viene sottoposto a visita medica per la verifica della condizione di salute prima dell'attivazione del protocollo necessario.

La questione è particolarmente avvertita nel mondo della scuola e un ruolo centrale viene ricoperto dal dirigente scolastico che prescrive la visita medica attraverso il medico competente se già nominato per la sorveglianza sanitaria, attraverso un medico nominato per il periodo emergenziale o attraverso la richiesta ai servizi territoriali dell'Inail che incaricano un proprio medici del lavoro. In questo articolo approfondiamo

  • Lavoratori fragili, come fare domanda
  • Come essere riconosciuti lavoratori fragili

Lavoratori fragili, come fare domanda

Passaggio fondamentale per la presentazione della domanda per il riconoscimento della condizione di lavoratore fragile è la visita medica di accertamento da richiedere al datore di lavoro. Basta compilare l'istanza su un semplice foglio in cui siano chiaramente indicate le generalità del lavoratore e la richiesta.

Solo in base ai risultati della visita, il medico suggerisce come procedere ovvero se il dipendente può regolarmente proseguire l'attività in presenza, se lo può fare con l'utilizzo di ulteriori dispositivi di sicurezza (guanti e mascherine), se deve essere assegnato a un'altra postazione.

Oppure se deve essere dichiarato temporaneamente non adatto al lavoro fino alla data indicata dal medico e comunque almeno fino alla fine del periodo di emergenza.

In questo secondo caso può valutare l'eventuale possibilità di lavorare da remoto. Vale la pena ricordare che secondo le ultime disposizioni, il riconoscimento dell'inidoneità al lavoro non rappresenta l'anticamera al licenziamento.

In ogni caso, indipendente dal Ccnl di riferimento - terziario e servizi, edilizia e legno, alimentari, credito e assicurazioni, tessili, trasporti, meccanici, agricoltura e allevamento, enti e istituzioni private, chimica, poligrafici e spettacolo, marittimi, enti pubblici - i lavoratori fragili possono fruire di  alcuni diritti come sospensioni e riduzioni dell'orario di lavoro ovvero di congedi, cassa integrazione e assegno ordinario.

Come essere riconosciuti lavoratori fragili

Per essere riconosciuti lavoratori fragili è necessaria l'attestazione da parte del medico competente se già nominato per la sorveglianza sanitaria, del medico nominato per il periodo emergenziale o del medico del lavoro dei servizi territoriali dell'Inail. Si tratta del punto centrale e da cui non si può prescindere.

Lo stesso istituto ricorda l'importanza di acquisire la certificazione del contagio per il riconoscimento della malattia-infortunio e quindi per ricevere la tutela Inail. Ai fini della certificazione è valida qualsiasi documentazione clinico-strumentale in grado di attestare il contagio da Covid-19.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie