Come farsi pagare gli straordinari fatti se l'azienda non lo fa? Tutti i sistemi secondo leggi 2022

Qualsiasi ora lavorata deve essere pagata dal datore. Questo è uno dei suoi obblighi contrattuali che vale per tutte le categorie.

Come farsi pagare gli straordinari fatti

Straordinari sul lavoro, come farseli pagare?

Il lavoratore deve segnalare la violazione al datore perché potrebbe trattarsi di una svista. Quindi inviare una raccomandata con avviso di ricevimento al datore di lavoro per richiedere il pagamento dello straordinario con sollecito di stipendio. Poi rivolgersi a un rappresentante del personale. E infine intraprendere un'azione legale.

Su richiesta del suo datore di lavoro, il lavoratore può dover fare straordinari per le esigenze dell'azienda. Può capitare che un dipendente lavori oltre le ore stabilite dal contratto senza essere pagato. Cosa può fare in questo caso? Quali sono i suoi mezzi d'azione per far valere i suoi diritti?

La decisione di far lavorare i dipendenti fuori orario è presa dal datore di lavoro. In effetti, è l'unico che può chiedere di fare gli straordinari per via del potere di direzione che detiene. Non esiste un diritto allo straordinario per il lavoratore, a meno che il datore non lo abbia incluso nel contratto. Vediamo quindi in questo articolo:

  • Straordinari sul lavoro, come farseli pagare

  • Cosa comporta mancato pagamento degli straordinari

Straordinari sul lavoro, come farseli pagare

In caso di mancato pagamento del lavoro straordinario, il lavoratore deve procedere in più fasi. Se il primo passaggio non va a buon fine, il dipendente dovrà passare al secondo e così via.

Dovrebbe segnalare la violazione al datore di lavoro perché potrebbe trattarsi di una svista. Quindi inviare una raccomandata con avviso di ricevimento al datore di lavoro per richiedere il pagamento dello straordinario con sollecito di stipendio. Poi rivolgersi a un rappresentante del personale. E infine intraprendere un'azione legale. Il lavoratore deve prima passare attraverso una fase di conciliazione con il suo datore di lavoro al fine di trovare una soluzione amichevole, al fine di passare attraverso la fase di giudizio.

A seguito della richiesta e dell'invio della lettera al datore di lavoro sollecitandolo a pagare il suo lavoro straordinario, se il datore di lavoro rifiuta di adempiere al suo obbligo, il dipendente può rivolgersi a un rappresentante del personale o al sindacato della sua azienda . Questi organi avranno un ruolo di mediazione e sosterranno il lavoratore nei confronti del datore di lavoro. L'obiettivo della fase di conciliazione è trovare un accordo tra il lavoratore e il datore di lavoro in modo da non intraprendere azioni legali. Se l'azione dei rappresentanti del personale non va a buon fine, il lavoratore dovrà adire le vie legali per far valere i propri diritti.

In caso di controversia relativa al lavoro straordinario, il lavoratore fornisce al giudice tutti gli elementi idonei a supportare la sua richiesta. Il datore di lavoro deve quindi poter attestare le ore effettivamente lavorate dal suo dipendente. Il giudice tiene conto di tutte le prove riportate per formare la sua condanna.

Cosa comporta mancato pagamento degli straordinari

Qualsiasi ora lavorata deve essere pagata dal datore. Questo è uno dei suoi obblighi contrattuali che vale per tutte le categorie. In caso contrario, commette un grave inadempimento che rende impossibile al lavoratore il mantenimento del contratto di lavoro. Il dipendente prenderà l'iniziativa di rescindere il suo contratto di lavoro per colpa esclusiva del suo datore di lavoro. Come abbiamo visto, come primo passo il lavoratore deve ricordare al datore di lavoro i suoi obblighi.

Se necessario, gli invia una diffida, inviata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Quando il datore di lavoro rifiuta, i rappresentanti dei lavoratori possono anche essere chiamati a cercare di trovare una soluzione amichevole alla controversia. Se questo tentativo di risoluzione amichevole della controversia fallisce, il lavoratore può agire in giudizio per chiedere al giudice il pagamento del suo stipendio.

Il lavoratore può anche invocare il reato di lavoro nero. Per il datore di lavoro si tratta di indicare sulla busta paga del suo dipendente un numero di ore di lavoro inferiore a quello che ha effettivamente realizzato. Il dipendente deve dimostrare la natura intenzionale del lavoro nascosto, ma può essere complicato.

Il mancato pagamento del lavoro straordinario costituisce grave inadempimento degli obblighi contrattuali del datore di lavoro. Il lavoratore ha il diritto di ritenere che tale colpa metta in discussione la prosecuzione del suo contratto di lavoro.

Ricordiamo che in linea di principio, il lavoratore non può rifiutarsi di lavorare più a lungo, perché lo straordinario è obbligatorio quando richiesto dal datore di lavoro. Tuttavia, in alcuni casi si ha il diritto di rifiutare di fare lo straordinario.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il