Come farsi restituire un regalo del fidanzato o fidanzato quando ci si lascia. C'è una legge?

Non si può chiedere la restituzione di un regalo dal fidanzato quando ci si lascia: cosa prevede legge in vigore e chiarimenti

Come farsi restituire un regalo del fida

Si può chiedere la restituzione di un regalo del fidanzato o fidanzato quando ci si lascia?

Stando a quanto previsto dalla legge attuale, i regali fatti all’ex fidanzata o fidanzato in occasione di ricorrenze come compleanni, San Valentino, anniversari, ecc, e a prescindere da ricorrenze specifiche, non devono essere restituiti secondo il principio della liberalità d’uso. Ma esistono comunque eccezioni. 
 

Esiste una legge per farsi restituire un regalo del fidanzato o fidanzato quando ci si lascia? Fidanzarsi e stare insieme se per tanto tempo porta fidanzato e fidanzata a scambiarsi regali per ogni ricorrenza. A volte si tratta anche di regali costosi che quando c’è amore sono la dimostrazione più grande di quanto si possa tenere all’altra persona, ma che quando ci si lascia diventano spesso motivi del contendere.

  • Restituzione regalo del fidanzato o della fidanzata si può chiedere secondo la legge o no
  • Quando si può fare richiesta di restituzione di un regalo da fidanzato o fidanzata


Restituzione regalo del fidanzato o della fidanzata si può chiedere secondo la legge o no

Non esiste una legge che obbliga alla restituzione di un regalo ricevuto da fidanzato o da fidanzata durante una relazione. O meglio, stando a quanto previsto dalla legge attuale, i regali fatti dal fidanzata o dalla fidanzato in occasione di ricorrenze come compleanni, San Valentino, anniversari, ecc, e a prescindere da ricorrenze specifiche, non devono essere restituiti quando ci si lascia secondo il principio della liberalità d’uso.

Non è possibile, dunque, farsi restituire regali come gioielli, oggetti di bigiotteria, capi di abbigliamento, accessori, pur se firmati e costosi, oggetti tecnologici. Ma non solo.

Secondo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, non è possibile farsi restituire un regalo da fidanzato o da fidanzata quando ci si lascia anche quando si tratta di un regalo ‘importante’ fatto con una donazione. 

Per legge, infatti, non si può revocare una donazione ricevuta dai genitori dell’ex fidanzato, per esempio una casa o un terreno, se la donazione è avvenuta tramite regolare atto notarile che al momento della firma ha trasferito la proprietà dai genitori dell’ex fidanzata o fidanzato all’altro compagno.

Quando si può fare richiesta di restituzione di un regalo da fidanzato o fidanzata

Se, dunque, per legge non si può richiedere la restituzione di un regalo dal fidanzato o dalla fidanzata quando ci si lascia, ci sono anche eccezioni, casi in cui la richiesta di restituzione del regalo può essere legittima. 

Si tratta, in particolare, del caso in cui il regalo in questione è un regalo particolare, per esempio un quadro di un pittore molto famoso e di valore, o un gioiello particolarmente costoso e di importante valore economico, magari antico, oggetti e articoli che, insomma, non sono considerati una liberalità d’uso, ma che si possono regalare in maniera definitiva solo con atto notarile di donazione.

Senza atto notarile, il regalo tramite donazione è nullo e se ne può richiedere la restituzione quando ci si lascia. Altro caso in cui è possibile chiedere la restituzione di un regalo dalla fidanzata quando ci si lascia è quello dell'anello di fidanzamento.

La promessa di matrimonio, qualunque sia la forma se pubblicazione, atto pubblico o scrittura privata è giuridicamente rilevante e l’anello di fidanzamento, per la legge attuale, rientra tra i regali considerati come donazione obnuziale.

Si tratta di un tipo di donazione caratterizzata dal vincolo di una condizione, che in tal caso è proprio la celebrazione del matrimonio. Ciò significa che se i fidanzati non convolano a nozze, la condizione richiesta per la donazione obnuziale non si verifica, per cui l’ex fidanzato può chiedere la restituzione dell’anello di fidanzamento alla ex fidanzata.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il