Come funziona il conguaglio spese condominiali secondo leggi e regole 2021

Differenza tra spese preventivate e spese effettivamente sostenute: come funziona e quanto si paga conguaglio delle spese condominiali

Come funziona il conguaglio spese condom

Come funziona il conguaglio delle spese condominiali?

Per gestione e manutenzione del condominio, ogni anno l’amministratore di un condominio fa una stima delle spese da sostenere per l’intero edificio condominiale e si divide l’importo tra tutti i condomini, proprietari e inquilini, delle unità immobiliari di quel determinato condominio. A fine anno, il preventivo stimato dall’amministratore si trasforma in cifre concrete e se risulta eventualmente una differenza tra le spese preventivate e anticipate e quanto effettivamente speso si parla di conguaglio di spese di condominio che sono dovute da proprietari e inquilini delle case in condominio. 
 

Come funziona il conguaglio delle spese condominiali? Il conguaglio delle spese condominiali è il risultato della differenza tra il preventivo che si fa per affrontare le spese di condominio e le spese effettivamente sostenute per la gestione di un condominio e può essere considerato attivo, quando i soldi versati sono maggiori rispetto a quelli spesi e il condomino risulta a credito, o passivo, quando i soldi versati non sono stati sufficienti a coprire tutte le spese sostenute ed è necessario aggiungerne altri e in tal caso il condomino risulta a debito. Vediamo ora come funziona il conguaglio delle spese di condominio-

  • Conguaglio spese di condominio come funzionamento regole 2021
  • Conguaglio spese di condominio regole per pagamento

Conguaglio spese di condominio funzionamento regole 2021

Secondo quanto previsto dalle regole 2021 in vigore, per gestione e manutenzione del condominio, ogni anno l’amministratore di un condominio fa una stima delle spese da sostenere per l’intero edificio condominiale e si divide l’importo tra tutti i condomini, proprietari e inquilini, delle unità immobiliari di quel determinato condominio. 

A fine anno, il preventivo stimato dall’amministratore si trasforma in cifre concrete e risulta eventualmente una differenza tra le spese preventivate e anticipate e quanto effettivamente speso. Si tratta del cosiddetto conguaglio delle spese condominiali. Per riscuotere le eventuali somme risultanti a conguaglio, l’amministratore di condominio deve presentare la seguente documentazione:

  • bilancio preventivo, che riporta le spese che si presume di sostenere durante l’anno;
  • bilancio consuntivo, che riporta il prospetto di ripartizione delle spese tra i proprietari delle singole unità abitative, secondo le loro quote;
  • riparto millesimale consuntivo.

Conguaglio spese di condominio regole per pagamento

Una volta stabilite le somme esatte che i condomini devono pagare a conguaglio delle spese condominiali, considerando che si tratta di spese condominiali riguardanti consumo di acqua, riscaldamento, spese di manutenzione dell’ascensore e delle scale e per servizi comuni.

Generalmente il conguaglio delle spese condominiali è sempre a carico del proprietario dell’immobile, a meno che non si tratti di una casa in affitto e in tal caso le norme in vigore prevedono che a pagare le spese di conguaglio sia l’inquilino della casa in affitto.

Spetta all’inquilino pagare il conguaglio delle spese condominiali anche se il contratto di locazione giunge alla fine e se non vuole pagare, il proprietario dell’appartamento può chiedere un decreto ingiuntivo e citare in tribunale l’ex inquilino.
 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il