Come funziona la data di valuta di un bonifico bancario? Tempi medi, calcoli e vari casi 2021

Nel caso di un bonifico, la banca effettua una stima del giorno in cui prevede di ricevere i fondi dall'altra banca, denominata data di valuta.

Come funziona la data di valuta di un bo

Bonifico bancario, come funziona la data di valuta?

Le data di valuta si riferisce al giorno in cui i titolari dei conti possono utilizzare i fondi degli assegni depositati che sono già passati attraverso il processo di compensazione della banca.

La data di valuta si riferisce alla data in cui avviene una transazione o quando il valore dei beni o del denaro diventa effettivo. Viene anche utilizzato per determinare il valore attuale di un prodotto con un prezzo fluttuante. Approfondiamo meglio questi aspetti, soffermandoci in particolare sul funzionamento della data di valuta nel caso dei bonifici bancari. Più precisamente:

  • Bonifico bancario, come funziona la data di valuta

  • Altro significato della data di valuta

Bonifico bancario, come funziona la data di valuta

Nel settore bancario, le date di valuta si riferiscono al giorno in cui i titolari dei conti possono utilizzare i fondi trasmessi con un bonifico bancario che sono già passati attraverso il processo di compensazione della banca. Quando il correntista deposita per la prima volta un assegno presso la propria banca, quest'ultima accrediterà sul conto del beneficiario l'importo indicato sull'assegno.

Tuttavia, il denaro non è stato effettivamente ricevuto dalla banca poiché deve ancora raccogliere i fondi dalla banca dell'altra parte, supponendo che le parti coinvolte utilizzino due istituti di credito separati. La banca corre il rischio di incorrere in un flusso di cassa negativo se il beneficiario utilizza immediatamente i contanti dell'assegno. Per evitare una situazione del genere, la banca effettuerà una stima del giorno in cui prevede di ricevere i fondi dall'altra banca, denominata data di valuta.

Il beneficiario può utilizzare i fondi solo dopo la data di valuta. Prima della data di valuta, i fondi sono detenuti sul conto del beneficiario. La data di valuta è di alcuni giorni successiva alla data di contabilizzazione, ma per i clienti di banche più grandi potrebbe essere possibile negoziare per un momento precedente prima che venga raggiunta la data di valuta. Lo stesso procedimento viene applicato nel caso dei bonifici bancari. I tempi possono variare anche di alcuni giorni, ma in genere ne sono necessari almeno 2.

In contabilità, la data di valuta si riferisce alla data in cui un conto diventa effettivo. È la data in base alla quale i beni diventano disponibili per il titolare del conto quando le voci di credito cessano di essere disponibili per il titolare del conto in caso di registrazioni di debito. È la data legalmente vincolante di un'operazione di flusso operativo e definisce la data di inizio per il calcolo degli interessi di competenza e di differimento e altre voci. La data di valuta deve essere tenuta distinta dalla data di registrazione.

Altro significato della data di valuta

Nei mercati dei cambi, la data di valuta si riferisce alla data in cui si prevede che un'operazione venga regolata. Per le transazioni che comportano la vendita o l'acquisto di valuta per un altro, la data di valuta è di solito due giorni lavorativi dopo la data in cui la transazione e i tassi di cambio sono stati concordati.

La data di valuta è la data di negoziazione delle due valute e non la data dell'accordo. Naturalmente, i due giorni lavorativi non includono il sabato, la domenica o i giorni festivi (bancari) in nessuno dei due paesi delle valute coinvolte. Per le operazioni a termine su valute, la data di valuta si riferisce alla data concordata da entrambe le parti per la consegna dei fondi, ma a differenza delle operazioni a pronti, questa data può verificarsi in qualsiasi momento dopo la firma del contratto. Nei mercati obbligazionari, la data di valuta è una delle informazioni chiave utilizzate per calcolare gli interessi maturati su un'obbligazione.

Il calcolo degli interessi maturati tiene conto di tre date importanti: la data di negoziazione, la data di regolamento e la data di valuta. La data di negoziazione si riferisce alla data in cui viene effettuata una transazione. La data di regolamento è la data in cui la transazione è completata. La data di valuta è la stessa della data di regolamento. Mentre la data di regolamento può cadere solo in un giorno lavorativo, la data di valuta, nel caso di calcolo degli interessi maturati, può cadere in qualsiasi data del mese.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il