Come funzionano le obbligazioni convertibili nel 2021

Nella forma più classica, agli investitori è concesso il diritto di convertire le proprie obbligazioni in un certo numero di azioni a un prezzo e a un tasso predeterminati.

Come funzionano le obbligazioni converti

Obbligazioni convertibili, come funzionano?

Un'obbligazione convertibile è un tipo di titolo di debito che conferisce a un investitore il diritto o l'obbligo di scambiarla con un numero predeterminato di azioni della società emittente in determinati momenti della vita dell'obbligazione stessa.

Se c'è una caratteristica di fondo delle obbligazioni convertibili si ricava proprio dalla denominazione. Si distinguono infatti per la possibilità di trasformazione delle obbligazioni in azioni. Ed è lo stesso Codice Civile a fissare le regole di base di questo passaggio.

In particolare i tre elementi di cui tenere conto sono la natura del titolo ottenibile dalla conversione, il rapporto di conversione e il periodo di conversione. Entriamo allora nel dettaglio del funzionamento di questo strumento per approfondire:

  • Obbligazioni convertibili, come funzionano
  • Investimento in obbligazioni convertibili nel 2021

Obbligazioni convertibili, come funzionano

Un'obbligazione convertibile è un tipo di titolo di debito che conferisce a un investitore il diritto di scambiarla con un numero predeterminato di azioni della società emittente in determinati momenti della vita dell'obbligazione stessa. È un titolo ibrido che possiede caratteristiche sia di debito che di capitale. Simile alle obbligazioni normali, un'obbligazione convertibile ha una data di scadenza e paga gli interessi agli investitori.

Se un investitore decide di non convertire le proprie obbligazioni in azioni, riceve il valore nominale dell'obbligazione alla scadenza. Tuttavia, se un investitore converte le obbligazioni in azioni della società, l'obbligazione perderà tutte le sue caratteristiche di debito e quindi avrà solo caratteristiche di capitale.

Le società con un basso rating creditizio e un elevato potenziale di crescita emettono spesso obbligazioni convertibili. Ai fini del finanziamento, le obbligazioni offrono una maggiore flessibilità rispetto alle obbligazioni normali. Possono essere più attraenti per gli investitori poiché le obbligazioni convertibili forniscono un potenziale di crescita attraverso il futuro apprezzamento del capitale del prezzo delle azioni.

Le obbligazioni convertibili obbligatorie danno agli investitori l'obbligo di convertire le loro obbligazioni in azioni alla scadenza. Le obbligazioni di solito hanno due prezzi di conversione. Il primo prezzo limiterebbe il prezzo al quale un investitore riceverà l'equivalente del suo valore nominale in azioni.

Il secondo prezzo stabilisce un limite al prezzo che l'investitore può ricevere al di sopra del valore nominale. Le obbligazioni convertibili inverse offrono all'emittente la possibilità di riacquistare l'obbligazione in contanti o di convertire l'obbligazione in azioni a un prezzo e tasso di conversione predeterminati alla data di scadenza.

Investimento in obbligazioni convertibili nel 2021

Nella forma più classica, agli investitori è concesso il diritto di convertire le proprie obbligazioni in un certo numero di azioni a un prezzo e a un tasso predeterminati alla data di scadenza. Le obbligazioni convertibili possono pagare pagamenti di cedole durante la vita dell'obbligazione e avere una data di scadenza fissa alla quale gli investitori hanno diritto al valore nominale dell'obbligazione.

Le obbligazioni convertibili sono un'opzione flessibile per il finanziamento che offre alcuni vantaggi rispetto al normale finanziamento tramite debito o azioni. In generale, gli investitori sono disposti ad accettare pagamenti di interessi inferiori sulle obbligazioni convertibili rispetto alle obbligazioni ordinarie. Pertanto, le società emittenti possono risparmiare sui pagamenti degli interessi. Poiché il pagamento degli interessi è fiscalmente deducibile, le obbligazioni convertibili consentono alla società emittente di beneficiare di risparmi fiscali sugli interessi che non sono possibili nel finanziamento azionario.

Se una società non è disposta a diluire le proprie azioni a breve o medio termine, ma si sente a proprio agio a farlo a lungo termine, il finanziamento tramite obbligazioni convertibili è più appropriato del finanziamento azionario. Gli azionisti della società attuale conservano il loro potere di voto e possono beneficiare dell'apprezzamento del capitale del suo prezzo delle azioni in futuro.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il