Come gestire spese e investimenti di fine anno per pagare meno tasse nel 2021-2022 con azienda

In termini di imposta sulle società, la maggior parte delle spese che entrano nell'interesse della società sono deducibili, salvo eccezioni previste dalla legge.

Come gestire spese e investimenti di fin

Spese e investimenti di fine anno, come gestirli?

Le aziende possono detrarre un'ampia gamma di spese entro la fine dell'anno, come spese di rappresentanza, spese informatiche, affitto, spese di documentazione, compensi corrisposti a dipendenti e dirigenti, viaggi di lavoro, forniture varie, ricorso a un fornitore di servizi esterno.

Molte aziende sono alla ricerca di suggerimenti per gestire spese e investimenti di fine anno per pagare meno tasse nel 2021-2022. Lo fanno per via del carico fiscale e sociale che grava su di loro. È vero che l'importo dei contributi è particolarmente pesante e che molte altre voci stanno mettendo a dura prova il loro budget.

Tuttavia, ci sono molte leve per ridurre questo onere, in particolare per quanto riguarda l'imposta sulle società. E se si arriva con utile alto come abbassarlo in modo legale ma anche intelligente per lo sviluppo della azienda? Vediamo in questo articolo:

  • Spese e investimenti di fine anno, come gestirli

  • Ottimizzare le spese aziendali per pagare meno tasse

Spese e investimenti di fine anno, come gestirli

In termini di imposta sulle società, la maggior parte delle spese che entrano nell'interesse della società sono deducibili, salvo eccezioni previste dalla legge, riguardanti in particolare spese esose. Molte aziende non sanno necessariamente quali oneri possono essere detratti dal loro reddito e quindi non riescono a ottimizzare la loro situazione fiscale. Tuttavia, possono detrarre un'ampia gamma di spese entro la fine dell'anno, come spese di rappresentanza, spese informatiche, affitto, spese di documentazione, compensi corrisposti a dipendenti e dirigenti, viaggi di lavoro, forniture varie, ricorso a un fornitore di servizi esterno.

Basta allora chiedere al commercialista cosa quali sono le tasse che possono essere detratte. Sarà successivamente necessario determinare quale metodo è il più vantaggioso per gestire spese e investimenti di fine anno per pagare meno tasse, anche se risulta essere più complesso da utilizzare.

È una delle leve di ottimizzazione fiscale più utilizzate dalle grandi aziende. Molte società riducono il proprio reddito imponibile deducendo gli interessi sui prestiti contratti con società collegate o per effettuare determinati investimenti. Generalmente vengono effettuate tramite una holding. Si indebiterà così per acquisire titoli societari. Gli interessi del prestito verranno detratti dal risultato imponibile della holding e i dividendi ad essa spettanti saranno esenti e consentirà di rimborsare i prestiti contratti. La società acquirente sarà il più delle volte in deficit, i proventi delle sue partecipazioni esenti e le spese deducibili.

L'imposta sulle società può essere ridotta attraverso una buona gestione dei disavanzi. Alcune aziende possono anche avere uno stock di deficit molto ampio che consente loro di non pagare l'imposta sulle società per diversi anni.

Ottimizzare le spese aziendali per pagare meno tasse

In materia fiscale, la generosità può ripagare. Se il valore è ragionevole, i regali aziendali sono deducibili dal profitto. Questi regali non devono necessariamente corrispondere a una campagna pubblicitaria dell'azienda. Può essere l'acquisto di libri o biglietti per spettacoli. I manager non ci pensano mai abbastanza, la formazione professionale non è riservata ai dipendenti e questo dà diritto anche a una spinta fiscale. Il credito d'imposta per la formazione viene rivalutato ogni anno e rappresenta una somma interamente deducibile dal reddito imponibile.

Ogni azienda che impiega dipendenti è tenuta ad optare per una politica di gestione del libro paga. L'assunzione di un dipendente, infatti, genera numerosi adempimenti quali la dichiarazione di assunzione, la redazione delle buste paga, la realizzazione delle dichiarazioni sociali, la redazione dei documenti relativi alla scadenza di un contratto in caso di dimissioni, licenziamento o risoluzione contrattuale.

Esistono due soluzioni per la gestione delle buste paga all'interno di un'azienda: la gestione interna o l'outsourcing. Il datore di lavoro non è obbligato ad assumere al proprio interno un responsabile paghe o ad affidare questo nuovo incarico a un dipendente in carica e quindi aumentare il suo carico di lavoro. L'utilizzo di un fornitore di servizi esterno costa meno rispetto alla gestione interna delle buste paga. Inoltre, i costi relativi alla formazione sono pari a zero.

La legislazione sociale cambia regolarmente e la gestione del libro paga richiede un monitoraggio legale e una formazione costante. La gestione interna delle buste paga comporta quindi la formazione del proprio responsabile delle buste paga, cosa che non avviene nel contesto della gestione delle buste paga in outsourcing.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il