Come giardino di casa può rinfrescare e far risparmiare su bollette e condizionatore nel 2022

Quali sono i sistemi per usare il giardino di casa per rinfrescare anche la casa all’interno: come fare e cosa scegliere per risparmiare in bolletta

Come giardino di casa può rinfrescare e

Come giardino di casa può rinfrescare e far risparmiare su bollette e condizionatore nel 2022?

Sono diversi i sistemi con cui un giardino di casa può rinfrescare e far risparmiare su uso del condizionatore e, di conseguenza, sulle bollette nel 2022, da piantare siepi, piante e alberi nelle zone del giardino esposte della casa in modo da creare zone d’ombra che non si surriscaldano e trasferiscono calore alla casa, al tenere le finestre aperte nelle ore serali, notturne e dell’alba, alla scelta di ombrelloni e tendoni bianchi da giardino, al mettere nebulizzatori in giardino per fare aria fresca.
 

Come giardino di casa può rinfrescare e far risparmiare su bollette e condizionatore nel 2022? Si sa, il caldo in casa, soprattutto ad alte temperature, si combatte accendendo il condizionatore, una vera e propria salvezza in tanti casi, ma anche un vero e proprio costo. 

E con il caro prezzi dell’energia, soprattutto di questo periodo, l’uso smisurato del condizionatore pesa in bolletta davvero tanto. Vediamo allora di seguito come può il giardino di casa rinfrescare e far risparmiare su bollette e condizionatore. 

  • Giardino può rinfrescare casa e far risparmiare con piante e alberi
  • Aprire finestre di sera e scegliere ombrelloni e tende bianche per il giardino di casa
  • Mettere in verande, pergolati, tettoie nebulizzatori d’aria


Giardino può rinfrescare casa e far risparmiare con piante e alberi

Uno dei modi in cui un giardino può rinfrescare casa e permette di risparmiare sui costi di bollette e condizionatori è quello di piantere siepi, alberi e piante posizionandole proprio sulla parte del giardino in cui la casa è più esposta al sole. 

Piante, siepi e rampicanti ma anche alberi, pur di piccole dimensioni, in giardino possono, infatti, contribuire a riparare la casa dai raggi del sole assorbendo calore, ed evitando che si disperda per la casa, permettendo, di conseguenza, di non accendere necessariamente il condizionatore.

Aprire finestre di sera e scegliere ombrelloni e tende bianche per il giardino di casa

Altri sistemi che permettono di rinfrescare l’aria usando il giardino senza necessità di accendere il condizionatore, o comunque accendendolo per poco, sono quelli di aprire le finestre e tenerle aperte solo nelle ore serali e, se possibile, notturne, e all’alba, in modo da far entrare aria fresca in casa, per poi chiuderle non appena il caldo inizia a farsi sentire.

Basta, infatti, chiudere le persiane sul giardino o tenere le tapparelle abbassate per riparare la casa dai raggi solari. 

In alternativa si possono mettere in giardino tendoni bianchi o grandi ombrelloni proprio da giardino per creare zone d’ombra davanti alle finestre, in modo da creare aria fresca. Il consiglio è quello di usare colori chiari, come il bianco, anche per le tende interne di casa, per favorire l’ingresso della luce in casa ma senza surriscaldare particolarmente l’interno.

Mettere in verande, pergolati, tettoie nebulizzatori d’aria

Infine, per usare il giardino per rinfrescare l’aria anche interna di casa senza dover per forza accendere il condizionatore e quindi risparmiando sulle bollette è quello mettere nebulizzatori d’aria fresca o direttamente nel giardino di casa o in verande, pergolati, tettoie che ci sono in giardino e che contribuiscono con la zona d’ombra che creano a rinfrescare l’ambiente. 

Il nebulizzatore d’aria fresca permette non solo di trascorrere tempo nel giardino di casa all’ombra e freschi, ma contribuiscono a rinfrescare l’aria anche all’interno per effetto del fresco che si crea in giardino. La diffusione del vapore del nebulizzatore crea freschezza in giardino ma, se posizionato non troppo lontano dalle zone di entrata di casa o finestre, tende a rendere fresca anche l’aria circostante la casa, rinfrescando di conseguenza gli interni senza che si surriscaldino per effetto dei raggi solari. 





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il