Come l'azienda deve gestire l'assenza ingiustificata di un dipendente? Soluzioni vari casi e contratti 2021

Quando un dipendente è assente dal lavoro per un lungo periodo, è improbabile che riesca a riprendere da dove si era interrotto.

Come l'azienda deve gestire l'as

Assenza ingiustificata di un dipendente, come gestirla?

Per sopperire all'assenza improvvisa e ingiustificata del lavoratore, il datore può ricorrere al contratto a termine o alla somministrazione a termine. Oppure al lavoro straordinario da assegnare a un altro dipendente.

Le assenze ingiustificate, soprattutto se persistenti e a breve termine possono essere molto fastidiose, in particolare in una piccola impresa. Bloccano gli affari e possono causare un notevole risentimento tra gli altri dipendenti che di conseguenza devono svolgere incarichi aggiuntivi. Il concetto di assenteismo ingiustificato implica un tradimento della fiducia da parte del dipendente, che attraverso il suo comportamento priva l'azienda di risorse finanziarie.

Ci sono però numerosi altri aspetti di cui tenere conto. Ad esempi, come l'azienda deve gestire l'assenza ingiustificata di un dipendente? Perché in fondo, al di là dell'applicazione o meno, il datore di lavoro non può fare finta di nulla ed è chiamato ad affrontare un problema pratico: come e a chi fare svolgere le mansioni che prima spettavano al dipendente assente ingiustificato? Approfondiamo in questo articolo i dettagli ovvero:

  • Assenza ingiustificata di un dipendente, come gestirla

  • Soluzioni vari casi assenza ingiustificata per legge 2021

Assenza ingiustificata di un dipendente, come gestirla

L'assenza non autorizzata dal lavoro può verificarsi anche quando un dipendente è malato. In particolare, se sono malati e non possono entrare al lavoro ma non seguono le procedure di comunicazione richieste. Tale mancata comunicazione comporta la mancata autorizzazione per il periodo di assenza dal lavoro. Un elemento chiave per una gestione efficace delle assenze è la misurazione e il monitoraggio accurati.

Un'azienda deve valutare se ha un problema di assenza, la sua incidenza e il modo migliore per affrontarlo. I datori di lavoro dovrebbero raccogliere e utilizzare i dati per identificare particolari modelli di assenza e cause sottostanti, ad esempio lo stile di gestione di un particolare manager o un aumento dei carichi di lavoro.

Per sopperire all'assenza improvvisa e ingiustificata del lavoratore, il datore può ricorrere al contratto a termine o alla somministrazione a termine. Oppure al lavoro straordinario da assegnare a un altro dipendente. Ma ricordando che non può superare l numero massimo di ore a disposizione previsto per legge e per il Contratto collettivo nazionale di lavoro. Allo stesso tempo, a meno di circostanze particolari, il lavoro straordinario deve essere concordato tra datore e dipendente.

Se il datore di lavoro ha motivo di credere che un dipendente abbia deliberatamente mentito per prendere un periodo di congedo non autorizzato, la conseguenza potrebbe essere l'applicazione di un provvedimento disciplinare, perfino il licenziamento per assenza ingiustificata.

Qualsiasi possibile attività collaterale è motivo di licenziamento per giusta causa. Ci sono alcuni fattori specifici che potrebbero far sorgere un dubbio. Ad esempio il ritardo sistematico sul posto di lavoro o la continua richiesta di permessi di lavoro speciali per malattia o infortunio o anche assenze ricorrenti. Il lavoratore è a casa per la visita medica? Sebbene i dubbi persistano, meglio ascoltare attentamente il punto di vista degli altri colleghi, cercando di trarre maggiori informazioni sul sospetto.

Soluzioni vari casi assenza ingiustificata per legge 2021

Parte della decisione aziendale dovrebbe riguardare il trattamento del lavoratore al ritorno dopo un'assenza ingiustificata. Sebbene non sia un obbligo legale, avere procedure come i colloqui di ritorno al lavoro può avvantaggiare il datore e il tuo dipendente. I faccia a faccia offrono al dipendente l'opportunità di spiegare le proprie assenze e ridurre l'assenteismo perché è meno probabile che le persone forniscano una motivazione non vera quando vengono interrogate di persona.

Può avvenire dopo un'assenza per malattia di qualsiasi durata, da un periodo di lunga durata a un membro del personale assente dal lavoro per un solo giorno. Se il congedo non autorizzato si trasforma in una vera assenza a lungo termine, occorre fare anche altre valutazioni.

Quando un dipendente è assente dal lavoro per un lungo periodo, è complicato che riesca a riprendere da dove aveva interrotto l'attività. Meglio predisporre un percorso da seguire, come il ritorno graduale al lavoro per aiutare il dipendente a riadattarsi alle mansioni lavorative e all'ambiente.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il