Come leggere il contatore della luce. Tutti i casi ed esempi

Come si leggono i contatori della luce tra vecchi e nuovi ed esempi di lettura: cosa c’è da sapere, procedura e chiarimenti

Come leggere il contatore della luce. Tutti i casi ed esempi

Come si legge il contatore della luce?

Per leggere correttamente il contatore della luce bisogna seguire diversi passaggi che sono principalmente: premere il pulsante vicino al display per leggere il consumo totale che, per esempio, può essere di 125.456 Kwh, premere una seconda volta il pulsante vicino al display per controllare i consumi relativi alla seconda fascia oraria (A2), premere una terza volta il pulsante vicino al display per calcolare i consumi relativi alla terza fascia oraria (A3).

Enel, Eni, Edison, Iberdrola, Sorgenia, Iren ormai per quasi tutti i fornitori di luce si usano i contatori della luce sono ormai quasi tutti elettronici e molto più funzionali perché trasmettono direttamente il consumo dell’energia in casa tramite autolettura, senza necessità che un tecnico venga a casa per la lettura del contatore.

Il grande vantaggio dei contatori luce elettronici è quello di poter controllare i propri consumi in modo da conoscere in ogni momento l’effettiva potenza assorbita da lampadine, elettrodomestici e i diversi apparecchi elettrici presenti in casa. Il contatore ella luce elettronico, infatti, registra automaticamente ogni 2 minuti i KW prelevati aggiornati. Ma come si legge un contatore della luce?

  • Come leggere contatore luce
  • Come leggere contatore luce esempi

Come leggere contatore luce

Il contatore elettronico è semplice da usare e permette di distinguere il consumo per le 3 fasce orarie: F1, F2 e F3, o anche aumentare la potenza per evitare lo scatto continuo del contatore. Il contatore della luce elettronico ha un display a cristalli liquidi dove si possono leggere tutte le informazioni e basta premere il pulsante cosiddetto di lettura che solitamente si trova sulla destra del display per leggere in sequenza tutte le informazioni.

Nella parte sinistra del display si trovano, invece, gli indicatori di consumo, due piccole luci che lampeggiano quando si sta consumando energia elettrica ma se sono accese fisse significa che non c'è consumo di energia elettrica da almeno 20 minuti, mentre in basso a sinistra compare il simbolo L1, che conferma che il contatore funziona correttamente.

Nella parte bassa del display c’è il dispositivo per il controllo della fornitura elettrica, che serve per interrompere o riattivare l’alimentazione di energia elettrica nel proprio impianto.

Per leggere il contatore della luce bisogna premere il pulsante di lettura in sequenza per visualizzare le diverse informazioni che compaiono e che sono:

  • codice cliente, che si legge premendo due volte il pulsante e identifica il contratto di fornitura di energia elettrica;
  • fascia oraria in atto al momento della lettura, se F1, F2, F3, e se è presente un’unica sigla (magari A3 o F3) significa che il contatore è monorario, per cui non è programmato per registrare i consumi in base alle diverse fasce orarie;
  • potenza istantanea assorbita in kW (anche se alcuni contatori non la mostrano);
  • lettura dei consumi nelle tre fasce orarie (A1, A2 e A3 oppure F1, F2 e F3) e della potenza massima registrate dal contatore (P1, P2 e P3);
  • lettura di consumi e potenza massima sono visualizzate due volte, una registrazione è del periodo di fatturazione corrente mentre l'altra è relativa al periodo di fatturazione precedente;
  • data e ora del momento della visualizzazione.

Premendo ulteriormente il pulsante lettura del contatore elettronico, si ritorna all’indicazione del numero cliente.

Nel caso, invece, si abbia ancora il vecchio contatore elettromeccanico, questo è composto da un disco metallico che si muove quando passa la corrente elettrica e ogni giro del disco corrisponde ad una determinata quantità di energia consumata

Per esempio, se un contatore elettromeccanico è impostato a 1,8 kWh per ogni giro, significa che se consumiamo 1,8 kWh il disco fa un giro, se consumiamo 3,6 kWh il disco fa due giri e così via, e ad ogni giro il numero a nove cifre che indica i consumi totali si aggiorna continuamente. E’ proprio il numero a nove cifre quello da segnare per conoscere i propri consumi di luce.

Come leggere contatore luce esempi

Per fare qualche esempio, per la lettura sul contatore Enel bisogna spingere più volte il pulsante grigio accanto al display del contatore e appaiono in sequenza le seguenti informazioni:

  • numero cliente, che identifica l'utenza;
  • fascia oraria di quel momento;
  • potenza istantanea;
  • lettura dei consumi nelle fasce orarie.

La lettura viene visualizzata con A1, A2 e A3, cioè la lettura rispettivamente nelle 3 fasce orarie, F1, F2 e F3.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie