Come non pagare multe Ztl 2019

Quali sono i casi in cui si può non pagare la multa Ztl 2019: i costi previsti per ingresso in zone cittadine a traffico limitato

Come non pagare multe Ztl 2019

E’ possibile non pagare multe Ztl 2019?

Secondo quanto recentemente stabilito, è possibile non pagare le multe Ztl per vizi dell’indicazione delle zone a traffico limitato. Se le telecamere sono, infatti, troppo vicine al segnale di inizio zona Ztl o se la dicitura riportata è Varco Attivo e non Ztl attiva, la multa non è considerata valida.

 

Da quando nelle grandi città sono stati segnati i confini delle cosiddette zone Ztl a traffico limitato il cui accesso è possibile solo per determinati veicoli e solo se in possesso di relativo pass, sono diverse le multe fioccate in città. Automobilisti che non conoscono le zone Ztl e vi accendono, altri che non si accorgono dei cartelli che le indicano e violano l’ingresso vietato, altri che, invece, molto più consapevolmente ignorano la zona a traffico limitato e comunque vi accedono.

In ogni caso, chiunque acceda alle zone Ztl e non potrebbe o sprovvisto di relativo pass, è soggetto a sanzioni economiche. Ma vi sono casi in cui è anche possibile non pagare le multe 2019 per violazione delle zone Ztl. In questo articolo cerchiamo di spiegare

  • Quando è possibile non pagare le multe Ztl 2019?
  • Chi può accedere alle zone Ztl?
  • Quali sono i costi delle multe Ztl?

Come e quando non pagare multe Ztl 2019

E’ possibile non pagare le multe Ztl 2019 se:

  • le telecamere per verificare infrazioni sono piazzate molto pima dl cartello che indica Varco attivo;
  • se compare la dicitura Varco attivo.

Nel primo caso, stando a quanto previsto dalle ultime notizie, se il Comune ha posizionato le telecamere molto prima dell’avviso Varco Attivo, cioè a meno di 80 metri dal cartello stradale perché il cittadino deve aver tempo e spazio di fare retromarcia, le multe arrivate agli automobilisti per violazione della zona Ztl non sono valide e non devono pertanto essere pagate. In tal caso basta presentare ricorso al Giudice di Pace e il pagamento della multa decade.


Sono stati due avvocati di Cosenza a scoprire il vizio di installazione delle telecamere prima del cartello di avviso della zona Ztl, notando un aumento eccessivo di multe Ztl a Cosenza. In virtù dell’errore di posizionamento delle telecamere rispetto all’inizio della zona Ztl della città, molti cosentini hanno presentato ricorso contro le multe ricevute e l’ufficio del giudice di pace di Cosenza, rilevando l’errore, ha dichiarato nulle tutte le multe.

Nel secondo caso, bisognerebbe poi rivedere la dicitura da riportare per indicare la zona Ztl dove gli automobilisti, o non tutti, possono accedere: secondo alcuni, infatti, la dicitura Varco attivo potrebbe essere equivocata in quanto attivo può essere inteso come passaggio libero, per cui il ministero dei Trasporti ha fatto sapere che la dicitura corretta deve essere:

  • Ztl attiva, per indicare la zona vietata al passaggio dell’automobilista sprovvisto di relativo pass;
  • Ztl non attiva, per indicare la zona dove invece il passaggio è consentito a tutti i veicoli indistintamente.

Chi può accedere alle zone Ztl

La possibilità di ingresso dei veicoli nelle zone Ztl cittadine varia, in realtà, da città a città a generalmente l’ingresso è autorizzato a:

  • residenti nell’area a traffico limitata;
  • mezzi pubblici;
  • mezzi di emergenza, come ambulanze o auto delle Forze dell’Ordine;
  • veicoli autorizzati al transito, come le auto dei disabili.

Violazione Ztl: costi delle multe

Secondo quanto previsto dal Codice della Strada, il costo delle multe Ztl è compreso tra un minimo di 80 euro e un massimo di 335 euro e si può pagare un importo ridotto del 30% se si paga entro cinque giorni da quando viene ricevuta.

Se invece la multa si paga in 60 giorni deve essere pagata in misura piena. Superati i 60 giorni, il costo della multa passa da 80 euro a 167,50 euro e ogni sei mesi scatta un’ulteriore maggiorazione semestrale del 10%, cui aggiungere anche l’aggio, che può arrivare al 20%, e interessi di mora per ritardato pagamento.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie