Come posso conoscere la classe energetica della mia casa

Già con l'acquisto il venditore è chiamato a produrre e a consegnare la certificazione energetica sulla casa. Ma come fare se non si è più in possesso dei documenti?

Come posso conoscere la classe energetic

Classe energetica della casa, come conoscerla?

Per conoscere la classe energetica della propria casa occorre rivolgersi a un professionista del settore. Tuttavia è sempre possibile avere una stima dei consumi della casa con un metodo fai-da-te. Occorre rilevare dalla bolletta il consumo di gas metano nei mesi invernali (EPH). Quindi fare il rapporto tra questa cifra e la superficie dell'appartamento. A quel punto si ottiene l'indice di prestazione energetica dell'edificio, da confrontare con la tabella ufficiale delle 7 classi energetiche.

Il certificato della classe energetica della propria casa è un documento di fondamentale importanza. Non solo per l'indispensabilità di conoscere tutte le caratteristiche della propria abitazione. Ma anche perché è uno strumento che ci aiuta a capire il reale valore della proprietà, suggerisce se è il caso di effettuare interventi di riqualificazione energetica, magari usufruendo delle facilitazioni fiscali in vigore.

Non solo, ma si rivela necessaria in occasione di una compravendita e utile se c'è di mezzo un affitto. Ma una casa non è di certo un elettrodomestico e non c'è un'etichetta a cui poter fare riferimento. Non dimentichiamo però che già con l'acquisto il venditore è chiamato a produrre e a consegnare la certificazione energetica sulla casa.

Lo deve fare insieme a tutto il resto dei documenti da consegnare al momento del rogito. Le norme attualmente in vigore sono più rigide e richiedono una procedura rigorosa che esamineremo in questo articolo. Per essere più precisi, per alcune circostanze limitate poteva bastare fino a qualche anno fa l'autocertificazione, adesso non più ammessa. Vediamo quindi

  • Classe energetica della casa, come conoscerla
  • Metodo fai-da-te per conoscere la classe energetica

Classe energetica della casa, come conoscerla

La conoscenza della classe energetica della propria abitazione è un aspetto da cui non si può prescendere perché si tratta del documento che mette nero su bianco i consumi di energia dell'immobile. Pensiamo all'obbligatorietà richiesta di presentare il certificato energetico al momento della vendita della casa.

Facilmente identificabili perché a ogni classe è associata una lettera (A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G), l'individuazione avviene sulla base di alcuni parametri ben precisi.

Si tratta dell'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, di sistemi di cogenerazione e di riscaldamento e condizionamento a distanza e dell'impianto di riscaldamento e di produzione di acqua calda sanitaria.

Ma anche dell'impianto di condizionamento dell'aria e di ventilazione e dei sistemi solari passivi e protezione solare.

A essere decisivi nell'inclusione della categoria corretta di classe energetica sono anche le caratteristiche termiche dell'edificio, la posizione e l'orientamento degli edifici. Infine, concorrono anche l'impianto di illuminazione, il clima esterno e interno, la ventilazione naturale.

Se questi sono i parametri presi in considerazione, nel caso di mancato possesso dei documenti validi e aggiornati che lo accertano, per conoscere la classe energetica della propria casa occorre rivolgersi a un professionista del settore.

Metodo fai-da-te per conoscere la classe energetica

Tuttavia è sempre possibile avere una stima dei consumi della casa, ma che non vanno in alcun modo considerati ufficiali e di conseguenza non sono validi ai fini di una compravendita. Occorre rilevare dalla bolletta il consumo di gas metano nei mesi invernali (EPH).

Quindi fare il rapporto tra questa cifra e la superficie dell'appartamento. A quel punto si ottiene l'indice di prestazione energetica dell'edificio, da confrontare con la tabella ufficiale delle 7 classi energetiche ovvero

  • Classe A4 (il più efficiente) minore o uguale a 0,40 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe A3: maggiore di 0,40 EPgl e minore o uguale a 0,60 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe A2: maggiore di 0,60 EPgl e minore o uguale a 0,80 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe A1: maggiore di 0,80 EPgl e minore o uguale a 1,00 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe B: maggiore di 1,00 EPgl e minore o uguale a 1,20 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe C: maggiore di 1,20 EPgl e minore o uguale a 1,50 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe D: maggiore di 1,50 EPgl e minore o uguale a 2,00 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe E: maggiore di 2,00 EPgl e minore o uguale a 2,60 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe F: maggiore di 2,60 EPgl e minore o uguale a 3,50 di indice di prestazione energetica globale
  • Classe G (la meno efficiente): maggiore di 3,50 di indice di prestazione energetica globale

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie