Comprare una casa senza soldi o mutuo con vendita con riserva di proprietà

Vendita con riserva di proprietà pagando la casa a rate per acquisto casa senza soldi o mutuo: come funziona e cosa prevedono leggi in vigore

Comprare una casa senza soldi o mutuo co

Come funziona la vendita con riserva di proprietà per comprare una casa senza soldi o mutuo?

Tra le altre soluzioni possibili per comprare casa senza soldi o mutui c’è quella della vendita con riserva di proprietà. Ricorrendo a questo sistema, il venditore permette all’acquirente di pagare la casa a rate mensili e l’importo delle rate viene definito in base al prezzo di vendita della casa e spalmate su di un arco temporale concordato tra le parti e considerando relativo tasso di interesse. 
 

Come funziona la vendita con riserva di proprietà per comprare una casa senza soldi o mutuo? Le norme attualmente in vigore prevedono diverse soluzioni possibili per comprare una casa senza soldi o mutuo e si tratta, in genere, di soluzioni scelte da chi ha finalmente preso la decisione di comprare casa ma senza avere soldi da parte, motivo per cui per non rinunciare al sogno della casa di proprietà la legge offre diverse opzione. 

Tra queste la possibilità di vendita con riserva di proprietà. Vediamo di cosa si tratta e come funziona questo sistema per l’acquisto di una casa senza soldi.

  • Comprare una casa senza soldi o mutuo con vendita con riserva di proprietà come fare
  • Chi paga spese di casa nel caso di vendita con riserva di proprietà

Comprare una casa senza soldi o mutuo con vendita con riserva di proprietà come fare

Tra le soluzioni possibili per comprare casa senza soldi o mutuo, insieme a quelle di prestito vitalizio ipotecario e affitto con riscatto, c’è quella della vendita con riserva di proprietà. Ricorrendo a questo sistema, il venditore permette all’acquirente di pagare la casa a rate mensili e l’importo delle rate viene definito in base al prezzo di vendita della casa e spalmate su di un arco temporale concordato tra le parti e considerando relativo tasso di interesse. 

L’acquirente può, dunque, entrare in casa e considerarla sua già al pagamento della prima rata ma il passaggio definitivo della proprietà avviene solo ed esclusivamente quando l’acquirente termina il piano di pagamento delle rate concordate per l’acquisto della casa, quindi solo al pagamento dell’ultima rata prevista.  

La formula di vendita con riserva di proprietà prevede, però, che in caso di insolvenza da parte dell’acquirente e di mancato pagamento anche solo di una rata, la validità del sistema cade e la casa torna ad essere di esclusiva proprietà del proprietario originario. 

Chi paga spese di casa nel caso di vendita con riserva di proprietà

Le leggi attualmente in vigore prevedono che nel corso del periodo di pagamento delle rate da parte dell’acquirente per la vendita di casa con riserva di proprietà, spetta al proprietario di casa il pagamento delle spese condominiali e delle spese di manutenzione straordinaria della casa, mentre all’acquirente spettano le spese di manutenzione ordinaria della casa. 

Dunque, nel sistema di vendita di casa con riserva di proprietà, la divisione delle spese dell’immobile funziona esattamente come se si trattasse di una casa in affitto, per il proprietario paga le spese straordinarie mentre l’acquirente paga le spese ordinarie per manutenzione e gestione della casa.


 





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il