Conto deposito di Poste Italiane, i rendimenti e i costi delle varie offerte attuali

Avere un conto con Poste Italiane permette di beneficiare di una serie di servizi associati.

Conto deposito di Poste Italiane, i rend

Poste Italiane: offerta conto deposito, come funziona?

Nonostante l'ampio carnet di proposte, il conto deposito di Poste Italiane non è adesso sottoscrivibile. Tuttavia, stando alle ipotesi che circolano sull'allargamento delle offerte ai risparmiatori, nel 2022 potrebbe vedere la luce un conto ad hoc.

Alla ricerca delle migliore soluzione nel 2021 per risparmiare e fare fruttare i propri risparmi con Poste Italiane. Stiamo infatti parlando di uno dei principali player attivi sul mercato nazionale, capillarmente diffuso su tutto il territorio e che offre numerose opzioni ai propri clienti.

I conti deposito rappresentano ad esempio una delle soluzioni più apprezzate per i risparmiatori italiani. Il funzionamento è regolato da un contratto che contiene tutti gli impegni contrattuali che vincolano le parti. Contiene cioè tutte le specifiche relative a rendimenti e costi delle varie offerte attuali. Approfondiamo quindi qual è la situazione attuale ovvero qual è la proposta di Poste italiane per i suoi clienti. Vediamo quindi meglio:

  • Poste Italiane: offerta conto deposito 2021, come funziona

  • Rendimenti e costi offerte attuali Poste Italiane 2021

Poste Italiane: offerta conto deposito 2021, come funziona

Se c'è qualcosa su cui Poste Italiane si è progressivamente differenziata nel tempo è l'arricchimento delle proposte di custodia dei risparmi dei clienti. In cambio di un rendimento, naturalmente, eppure a oggi nel 2021 nel carnet nelle offerte non è presente un conto deposito vero e proprio. Uno di quelli in cui il risparmiatore destina liberamente un importo variabile per un periodo più o meno lungo e proporzionale ai rendimenti da ottenere.

Si tratta quindi di un contratto di deposito a risparmio libero in forza del quale l'istituto acquista la proprietà delle somme depositate dal cliente obbligandosi a restituirle a richiesta dello stesso. Nella maggior parte dei casi, se la somma è vincolata ovvero se il cliente accetta di non effettuare alcun prelievo per un periodo predefinito, gli interessi sono maggiori.

Le somme depositate sono infatti remunerate a un tasso base. In pratica, il cliente può ottenere tassi migliorativi vincolando, in tutto o in parte, le somme depositate sul conto deposito per 3, 6, o 12 mesi, a condizione che le somme vincolate rimangano bloccate per il periodo pattuito. I rendimenti sulle somme vincolate maturano al termine del periodo pattuito. Ci sono però alcune variazioni allo schema base.

Spesso per i vincoli con durata superiore a 3 mesi, gli interessi netti che maturano alla scadenza del vincolo, sono riconosciuti al cliente con anticipi trimestrali mediante l'accredito di somme pari al rateo di interessi netti che matureranno sul periodo trimestrale. Nonostante l'ampio carnet di proposte, il conto deposito di Poste Italiane non è adesso sottoscrivibile. Tuttavia, stando alle ipotesi che circolano sull'allargamento delle offerte ai risparmiatori, nel 2022 potrebbe vedere la luce un conto ad hoc.

Rendimenti e costi offerte attuali Poste Italiane 2021

Il prodotto più simile nel 2021 al conto deposito proposto da Poste Italiane è il conto corrente, regolato da un accordo con il quale le parti concordano una reciproca e semplificata modalità di gestione del denaro versato. Questo conto bancario centralizza depositi, incassi, prelievi di contanti, pagamenti tramite assegno e bonifici. I rendimenti sono di fatti nulli e, anzi, il titolare deve mettere in conto le spese di gestione, comunque inferiori rispetti alla maggior parte delle banche.

Un conto corrente è un conto a vista che viene utilizzato per effettuare prelievi e pagamenti, accompagnato da strumenti per effettuare transazioni economiche, come il Bancoposta. Lo scopo di un conto deposito è di costituire una riserva di denaro per finanziare progetti o semplicemente per conservare liquidità per impegni futuri. Il conto corrente non è quasi mai remunerato mentre il conto deposito lo è sistematicamente.

Quando sic apri un conto corrente con Poste Italiane non bisogna pagare alcuna quota associativa né alcuna quota di iscrizione. È piuttosto il funzionamento del conto e dei servizi associati che possono prevedere il pagamento di commissioni.

Avere un conto corrente con Poste Italiane permette di beneficiare di una serie di servizi associati come l'invio di un estratto conto al mese, la possibilità di effettuare bonifici e addebiti diretti, l'ottenimento di un libretto degli assegni, la gestione da remoto del conto, l'acquisizione di una carta di pagamento, la possibilità di effettuare depositi e prelievi.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il