Contratto a chiamata 2019-2020 durata minima e massima e quante volte può essere rinnovato

Quanto può durare al massimo un contratto di lavoro a chiamata 2019-2020 e per quanto volte si può rinnovare: chiarimenti

Contratto a chiamata 2019-2020 durata minima e massima e quante volte può essere rinnovato

Qual è la durata massima del contratto a chiamata 2019-2020?

La durata massima del contratto a chiamata 2019-2020, come per legge stabilito, è di 400 giorni in 3 anni. Fanno eccezione a questa disposizione solo alcuni settori di lavoro come settore dei pubblici esercizi; settore del turismo e settore dello spettacolo.

 

Il contratto di lavoro a chiamata, o anche noto come lavoro intermittente, rappresenta una tipologia di contratto flessibile che permette ai datori di lavoro di ‘chiamare’ appunto determinati lavoratori solo nel caso in cui servano impiegati per specifiche attività e in maniera discontinua e saltuaria. Si tratta, inoltre, di una tipologia di contratto che non può essere usata per l’impiego di tutti i lavoratori.

Possono, infatti, stipulare contratti di lavoro a chiamata solo coloro che hanno compiuto almeno 55 anni di età, anche se pensionati, o coloro che non abbiano ancora compiuto 24 anni. In questo caso l’ultima prestazione lavorativa con contratto di lavoro a chiamata si può effettuare entro il compimento del 25esimo anno di età.

Ma quanto può durare il contratto a chiamata 2019-2020? Vediamo le regole previste sui tempi stabiliti per la stipula di un contatto a chiamata.

  • Contratto a chiamata 2019-2020 durata minima e massima
  • Contratto a chiamata 2019-2020 quante volte può essere rinnovato


Contratto a chiamata 2019-2020 durata minima e massima

La durata massima del contratto a chiamata 2019-2020, come per legge stabilito, non essere superiore ai 400 giorni in 3 anni. Fanno eccezione a questa disposizione solo alcuni settori di lavoro come:

  • settore dei pubblici esercizi;
  • settore del turismo (per cui non esiste alcun limite);
  • settore dello spettacolo.

Se si supera il limite di tempo riportato dei 400 giorni, il contratto a chiamata automaticamente si trasforma in contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo piano. Anche in questo caso la regola non vale per i settori sopra citati per cui è prevista durata diversa del contratto a chiamata.

Il contratto a chiamata, è bene precisare, può essere poi sia a tempo determinato, prevedendo pertanto una scadenza già stabilita; sia a tempo indeterminato, vale a dire senza definire alcuna scadenza, per cui se si continua a portarlo avanti oltre i 400 giorni diventa rapporto di lavoro a tempo indeterminato normale. Non è prevista una durata minima del contratto a chiamata 2019-2020.

Contratto a chiamata 2019-2020 quante volte può essere rinnovato

Il contratto di lavoro a chiamata non prevede, in realtà, un vero e proprio rinnovo dello stesso considerando che ogni qualvolta che un datore di lavoro ha bisogno di prestazione di attività deve stipulare un nuovo contratto.

Per il contratto a chiamata 2019-2020 non valgono i limiti che si considerano per esempio per i rapporti di lavoro con contratto a tempo determinato, per cui tra un contratto e un altro non è necessario aspettare il tempo 10 o 20 giorni.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie