Contratto artisti e tecnici 2021 stipendi, livelli, ferie, permessi, malattia

Stipendi in base a ruoli e mansioni ricoperte, ferie, permessi, assenza da lavoro per malattia: cosa prevede il contratto artisti e tecnici

Contratto artisti e tecnici 2021 stipend

Quanto può durare la malattia per lavoratori con contratto artisti e tecnici 2021?

Stando a quanto previsto dalle norme in vigore, il contratto artisti e tecnici 2021 prevede la possibilità di assentarsi dal lavoro per un periodo massimo di 180 anni, periodo durante il quale il lavoratore ha diritto a percepire relativa indennità prevista. 
 

Il Contratto artisti e tecnici 2021 si applica ai lavoratori in possesso di certificati requisiti professionali in diverse specializzazioni sia di carattere artistico e sia di carattere tecnico- amministrativo, capaci di svolgere alternativamente le funzioni e mansioni proprie della specializzazione raggiunta. Vediamo in particolare cosa prevede il contratto artisti e tecnici 2021 per stipendi e Livelli, ferie e permessi, tredicesima, malattia.

  • Contratto artisti e tecnici 2021 stipendi e livelli
  • Contratto artisti e tecnici 2021 ferie e permessi
  • Contratto artisti e tecnici 2021 malattia


Contratto artisti e tecnici 2021 stipendi e livelli

Lo stipendio previsto dal contratto artisti e tecnici 2021 prevede compensi minimi diversi a seconda delle qualifiche, e cioè sono variabili per attori, ballerini, capi macchinista, elettricisti e maggiorati del 40% (oltre all’eventuale indennità di chiamata) in caso di contratto intermittente e del 50% in caso di lavoro con partita Iva.

Le tipologie di contratto per artisti e tecnici variano e prevedono contratto di scrittura individuale, stipulati generalmente per soggetti specializzati, con carattere continuativo e uno stipendio per tutti i giorni compresi tra inizio e fine della stessa scrittura, cioè il periodo effettivo di lavoro dello scritturato, o su base mensile. Variano ancora gli stipendi per lavoratori con contratto artisti e tecnici con contratto intermittente o contratto a tempo determinato.

In particolare, il compenso minimo giornaliero stabilito dal contratto artisti e tecnici è di:

  • 74,30 euro per direttore di scena e aiuto regista;
  • 72,78 euro per attori, ballerini, coristi, mimi, professori d'orchestra, capo macchinisti, capo elettricisti, capo fonici, light designers;
  • 71,10 euro per assistenti alla regia, impiegati amministrativi, segretari di compagnia, attrezzisti, prima sarta, primo parrucchiere o truccatore, suggeritori, tecnici di varie specialità;
  • 59,32 euro per allievi attori;
  • 53,05 euro per allievi tecnici.

Artisti e tecnici con contratto intermittente per ogni giornata lavorativa hanno diritto a percepire lo stipendio pattuito nel contratto individuale più una maggiorazione del 40%. Precisiamo che non si può ricorrere alla forma di contratto intermittente per artisti e tecnici nei seguenti casi:

  • per sostituzione di lavoratori in sciopero;
  • quando il datore di lavoro non effettua la valutazione dei rischi per rispetto delle norme vigenti in materia di igiene e sicurezza sul lavoro;
  • nelle unità produttive dove, nei sei mesi precedenti, sono stati licenziati lavoratori con stesse mansioni.

Contratto artisti e tecnici 2021 ferie e permessi

Tra i diritti dei lavoratori con contratto artisti e tecnici rientrano ferie e permessi. In particolare, i lavoratori con contratti artisti e tecnici 2021 hanno diritto per ogni anno di effettivo servizio prestato ad un periodo di ferie differente in base al periodo di servizio maturato. In particolare, sono previsti: 

  • 27 giorni lavorativi di ferie all’anno per anzianità di servizio fino a 10 anni;
  • 30 giorni lavorativi di ferie all’anno per anzianità di servizio oltre i 10 anni.

Per quanto riguarda i permessi, i lavoratori con contratto artisti e tecnici 2021 hanno diritto ad usufruire di giorni o ore di permesso ma non è detto che siano sempre retribuiti.

Contratto artisti e tecnici 2021 malattia

Il lavoratore con contratto artisti e tecnici 2021 in caso di malattia ha diritto ad assentarsi dal lavoro e a conservare il suo posto di lavoro per un periodo massimo di 180 giorni, previa comunicazione al datore di lavoro o impresa e relativa certificazione medica attestante l’effettiva malattia e prognosi. 

Nell'arco del periodo di assenza dal lavoro per malattia ha altresì diritto a percepire una indennità che, come previsto da Ccnl, è: 

  • del 100% del minimo contrattuale di compenso giornaliero per i primi 3 giorni di malattia;
  • pari alla differenza tra il compenso giornaliero individualmente pattuito e indennità a carico dell'Inps con massimo a carico dell'impresa di 55 euro.
     

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il