Contratto commercio 2020 buoni pasto. A chi spettano, quanti e per quale importo

Cosa prevede il contratto commercio per l’erogazione dei buoni pasto: come possono essere per i dipendenti e di che importi

Contratto commercio 2020 buoni pasto. A chi spettano, quanti e per quale importo

Il contratto commercio 2020 prevede l’erogazione di buoni pasto?

Il contratto commercio 2020, come diversi altri CCNL, prevedono l’erogazione dei buoni pasto sia in formato cartaceo sia in formato elettronico per importi differenti come stabilito dalle nuove regole 2020.

 

Il Contratto commercio 2020 è la forma contrattuale che viene stipulata tra le associazioni dei lavoratori e le associazioni degli imprenditori e che prevede una serie di norme per regolare il rapporto di lavoro con i dipendenti.

Il Contratto Commercio 2020 viene stipulato con tutti i lavoratori delle imprese operanti nei settori terziario dei servizi e del commercio, compreso il settore di vendita online. Il Contratto commercio 2020 è tra quei CCNL che prevedono l’erogazione dei buoni pasto o del servizio mensa. Vediamo cosa è previsto per i buoni pasto del contratto commercio 2020.

  • Contratto commercio 2020 chi spettano buoni pasto e quanti
  • Contratto commercio 2020 buoni pasto importo

Contratto commercio 2020 chi spettano buoni pasto e quanti

I buoni pasto anche nel contratto commercio 2020 rappresentano una delle modalità con cui il datore di lavoro riconosce servizi di ristoro ai propri dipendenti in sostituzione della mensa aziendale, possono essere cartacei o elettronici e permettono al lavoratore di avere, in esercizi convenzionati, cibi, bevande e prodotti alimentari da consumare per un importo stabilito.

Il buono viene acquistato dal datore di lavoro direttamente dalla società emittente e dato poi ai lavoratori. I buoni pasto spettano a:

  • lavoratori subordinati con contratto di lavoro sia full time che part time, anche se l’orario giornaliero non prevede una pausa pranzo;
  • chi ha instaurato un rapporto di collaborazione, come per esempio co.co.co., con il datore di lavoro.

I buoni pasto possono essere usati solo da dipendenti full time o part time, anche quando non è prevista la pausa pranzo e sono cumulabili fino ad un totale di 8 perché è stato cancellato l’obbligo di usare il buono solo nel corso della giornata lavorativa.

Contratto commercio 2020 buoni pasto importo

I buoni pasto 2020 cartacei vengono rilasciati al lavoratore con contratto commercio 2020 in forma cartacea e possono essere usati per mangiare presso un ristorante o self-service convenzionato o per fare la spesa presso i negozi convenzionati.
L’importo giornaliero massimo del buono pasto cartaceo è di 4 euro (da quest’anno e fino all’anno scorso era di 5,29 euro).

I buoni pasto elettronici funzionano esattamente come quelli cartacei ma non vengono rilasciati sotto forma di ticket bensì caricati su una sorta di carta di credito magnetica. Rispetto ai buoni pasto cartacei, cambia l’importo giornaliero massimo di quelli elettronici che è di 8 euro (in aumento rispetto ai 7 euro del 2019).

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie