Contratto di apprendistato Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 stipendi, durata, limiti, regole assunzione

Stipendio, durata, limiti, assunzioni, trattamenti in caso di malattia e infortuni: quali sono le regole per apprendistato con Ccnl lavoratori dello spettacolo

Contratto di apprendistato Ccnl lavorato

Qual è la durata dell’apprendistato nel Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021?

Stando a quanto previsto dalle norme in vigore, in base ai livelli di inquadramento previsti per l’apprendista, la durata dell’apprendistato con Ccnl lavoratori dello spettacolo è di 36 mesi per Livelli 1A e 1, 24 mesi per Livelli 2 e 3 e di 18 mesi per Livelli 4, 5 e 6. 
 

Il Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 riconosce la possibilità di sostenere un apprendistato volto all’acquisizione delle competenze necessarie allo svolgimento del lavoro nell’ambito delle aziende teatrali, prevedendo momenti di formazione anche esterni all’azienda. Vediamo quali sono le regole previste per il contratto di apprendistato con Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021.

  • Contratto di apprendistato Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 stipendi
  • Contratto di apprendistato Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 durata e limiti

Contratto di apprendistato Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 stipendi

Lo stipendio previsto per l’apprendista con Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 si calcola secondo criteri e percentuali che sono:

  • minimo tabellare previsto dal Ccnl; 
  • importi a titolo di e.d.r. e di e.a.r;
  • importo dell’indennità di contingenza del livello di appartenenza.

Lo stipendio per l’apprendista con Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 non è, dunque, uguale sempre a quello percepito dai colleghi assunti, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato, nello stesso Livello di inquadramento professionale. 

Contratto di apprendistato Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 durata e limiti

Stando a quanto previsto dalle norme in vigore, possono essere assunti con contratto di apprendistato con ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 i giovani di età non inferiore a sedici anni e non superiore a ventiquattro e la durata dell’apprendistato non è fissa e unica per tutti ma cambia in base alla qualifica da conseguire.

In particolare, in base ai livelli di inquadramento previsti per l’apprendista, la durata dell’apprendistato con Ccnl lavoratori dello spettacolo è di:

  • 36 mesi per Livelli 1A e 1;
  • 24 mesi per Livelli 2 e 3;
  • 18 mesi per Livelli 4, 5 e 6. 

Tra i limiti previsti dall’apprendistato con Ccnl lavoratori dello spettacolo c’è quello secondo cui gli apprendisti di livello 1A e 1 non possono essere svolgere mansioni di coordinamento tecnico-funzionale di altri lavoratori.

Al termine del periodo di apprendistato, al lavoratore che venga confermato in servizio viene attribuita la medesima qualifica per la quale si è svolto l’apprendistato. L’assunzione del lavoratore al termine dell’apprendistato deve avvenire in forma scritta con la sottoscrizione da parte di apprendista ormai dipendente e datore di lavoro del contratto di lavoro vero e proprio, riportante tutti i dati, le generalità e le informazioni su datore di lavoro, lavoratore e rapporto di lavoro instaurato. 

L’apprendista non in prova assente dal lavoro per malattia ha diritto alla conservazione del posto per tutta la durata della malattia e fino ad un massimo di 10 mesi, mentre la durata del rapporto di apprendistato viene prorogata per un tempo equivalente all’assenza nel caso di malattie di durata superiore a 30 giorni lavorativi.

In caso di più assenze il periodo di conservazione del posto si intende riferito ad un arco temporale di 36 mesi.

All’apprendista con Ccnl lavoratori dello spettacolo 2021 assente per malattia spetta, nell’ambito del periodo contrattuale di conservazione del posto di lavoro, il trattamento economico previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro, mentre l’apprendista assente dal lavoro per infortunio sul lavoro ha diritto al seguente trattamento:

  • conservazione del posto per un periodo pari a quello per il quale viene corrisposta dall’Inail l’indennità temporanea;
  • erogazione da parte dell’azienda, oltre all’intera retribuzione per la giornata in cui è accaduto l’infortunio, di un’integrazione, a partire dal giorno seguente l’infortunio e fino alla scadenza dell’anzidetto periodo di conservazione del posto, dell’indennità erogata dall’Inail fino a raggiungere il 100% della sua normale retribuzione giornaliera.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il