Contratto turismo 2020 busta paga. Come leggere le voci

Quali sono le voci che compongono la busta paga di dipendenti con contratto turismo 2020 e come si legge stipendio netto

Contratto turismo 2020 busta paga. Come

Dove viene indicato lo stipendio netto in busta paga contratto turismo 2020?

I lavoratori con contratto turismo 2020 ogni mese percepiscono una busta paga che riporta tuti i dati relativi al rapporto di lavoro del dipendente, da retribuzione, a versamento di imposte, contributi previdenziali e detrazioni e solo nella parte finale della busta paga viene indicato l’importo dello stipendio netto mensile.

I lavoratori dipendenti assunti con Contratto Turismo 2020, al pari di tutti i dipendenti pubblici e privati assunti con regolari contratti di lavoro, ogni mese percepiscono la busta paga con tutte le voci retributive, fiscali, di contribuzione previdenziale e di detrazioni. Vediamo come si legge la busta paga del contratto turismo 2020.

Quali sono le voci della busta paga dipendenti con contratto turismo 2020

La busta paga dei dipendenti con contratto turismo 2020 prevede diverse voci che partono da quelle relative ai dati personali di lavoratore e datore di lavoro, prime voci riportate in alto in busta paga e che, nel dettaglio, sono:

  • dati del datore di lavoro, codice azienda, ragione sociale, indirizzo della sede di lavoro, codice fiscale del datore di lavoro;
  • dati del lavoratore, cognome, nome, codice  fiscale;
  • rapporto di lavoro, se a tempo determinato o indeterminato;
  • numero di polizza INAIL del dipendente;
  • matricola del dipendente;
  • livello di inquadramento del dipendente;
  • data di assunzione dell’impiegato;
  • categoria del lavoratore e livello;
  • mese di retribuzione;
  • contributo Inps.


Dopo le voci relative ai dati personali e anagrafici di lavoratore e datore di lavoro o azienda in busta paga del contratto turismo 2020 sono riportate le voci relative alla retribuzione che sono:

  • retribuzione minima;
  • totale retribuzione lorda;
  • permessi e ferie e festività godute;
  • riposi annui e accantonamento;
  • ore di lavoro ordinario;
  • ore di lavoro straordinario;
  • indennità di reperibilità;
  • Contributo IVS, per invalidità, vecchiaia e superstiti;
  • lavoro notturno;
  • tredicesima;
  • passaggio di livello;
  • eventuali altre voci retributive, come indennità di mensa, indennità di trasferta, indennità di cassa;
  • scatti di anzianità;
  • Tfr.

A seguire troviamo le voci relative a imposte e detrazioni come:

  • Irpef;
  • addizionale Irpef regionale;
  • addizionale Irpef comunale;
  • detrazioni per lavoro dipendente;
  • detrazioni per familiari a carico, coniuge o figli.

Solo nella parte finale della busta paga viene riportato l’importo dello stipendio netto che un lavoratore con contratto turismo 2020 percepisce ogni mese.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie