Conviene lavorare in nero o no? Tutta la verità tra vantaggi e svantaggi

Il lavoro nero costituisce un insieme di grandi truffe nell'esercizio di un'attività professionale e nell'assunzione di dipendenti.

Conviene lavorare in nero o no? Tutta la

Lavorare in nero: conviene o no?

Sebbene il lavoro nero possa rivelarsi economicamente vantaggioso anche al lavoratore, che magari può fruire di sussidi o esercitare altre attività, si tratta di una formula che in realtà non conviene in alcuna circostanza.

Il fenomeno del lavoro in nero è tanto più difficile da contrastare perché è multiforme, dai grandi cantieri in cui i subappaltatori non sono necessariamente conformi alle regole, ai servizi a domicilio. Data l'entità del fenomeno, si sono intensificati gli adeguamenti per il lavoro sommerso.

Il legislatore non è rimasto a guardare per regolamentare i servizi a domicilio, come la pulizia, l'assistenza all'infanzia o il giardinaggio. Per incoraggiare i datori a dichiarare i propri dipendenti e quindi a pagare gli oneri sociali, ha attuato agevolazioni fiscali non trascurabili, poiché rendono il lavoro ufficiale più economico del lavoro nero. Osserviamo da vicino:

  • Lavorare in nero: conviene o no

  • La verità su lavoro in nero e contratti

Lavorare in nero: conviene o no

Pochissimi settori di attività sono esenti dal lavoro nero. Quello in cui la quota di lavoro sommerso è invariabilmente più elevata è il settore alberghiero e della ristorazione.

La prima conseguenza è che l'assenza di un contratto che caratterizza il lavoro nero priva il lavoratore dei suoi diritti sociali. Ad esempio nessun diritto alla disoccupazione o alla pensione poiché per usufruirne bisogna versare i contributi richiesti.

Dichiarazioni parziali o contributi sulla base di una retribuzione insufficiente riducono anche i diritti alla pensione. La seconda conseguenza è che se è dimostrato che il lavoratore ha volontariamente prestato la propria attività in nero o consapevolmente può essere sanzionato. È il caso dei lavoratori sommersi che percepiscono disoccupazione, pensione o prestazioni sociali

Il lavoro nero costituisce un insieme di grandi truffe nell'esercizio di un'attività professionale e nell'assunzione di dipendenti. Contribuisce alla disorganizzazione della società, favorisce l'esclusione e la precarietà, l'evasione fiscale e sociale, l'arricchimento fraudolento. Le sue conseguenze sono particolarmente dannose.

Il contratto di lavoro costituisce prova dell'assunzione di un lavoratore da parte di un datore di lavoro. È quindi indispensabile firmarne uno qualunque sia il lavoro da svolgere. Assumere un dipendente senza stipulare un contratto di lavoro è illegale e molto rischioso, sia per il datore di lavoro che per il dipendente che si espongono entrambi a sanzioni penali.

Sebbene il lavoro nero possa rivelarsi economicamente vantaggioso anche al lavoratore, che magari può fruire di sussidi o esercitare altre attività, si tratta di una formula che in realtà non conviene in alcuna circostanza.

La verità su lavoro in nero e contratti

Il contratto di lavoro definisce il rapporto di un dipendente con il suo datore di lavoro tra il momento dell'assunzione in azienda e la sua partenza. Si tratta di un documento scritto che consente di costituire una prova dell'assunzione di un dipendente da parte di un datore di lavoro e quindi di prevenire rischi. La prevenzione e la lotta al lavoro nero con tutti i rischi per il presente e il futuro che ne conseguono inizia proprio da qui.

Senza una registrazione scritta del contratto di lavoro, un datore di lavoro corre il rischio di dar luogo a una controversia sulle condizioni di lavoro tra orario di lavoro e retribuzione mentre un lavoratore avrà più difficoltà a dimostrare di aver lavorato per il suo datore di lavoro. Qualunque sia il lavoro per cui ci si candida, qualunque sia il settore, qualunque sia la durata, occorre prima di tutto concludere un contratto di lavoro con il proprio datore di lavoro che determinerà i diritti e gli obblighi di ciascuno nei confronti dell'altro.

Un contratto di lavoro definisce un rapporto professionale tra un datore di lavoro e un dipendente. Per quanto riguarda il datore di lavoro, può essere sia una persona fisica sia una persona giuridica. Ma in questo caso, il contratto è concluso dalla persona responsabile dell'assunzione dell'azienda.

Qualunque sia il tipo di contratto o la natura della posizione da ricoprire, il contratto di lavoro attesta l'impegno del dipendente nei confronti dell'azienda e il legame di subordinazione, la natura del posto da ricoprire, il numero di ore di lavoro, la presenza di ferie retribuite, la durata dell'eventuale periodo di prova.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il