Cosa fare se finisco le ferie maturate a causa delle ferie forzate obbligate da azienda

Nel caso delle ferie obbligate occorre considerare la possibili conseguenze ovvero la fine dei giorni residui di ferie per il lavoratore fino alla fine dell'anno.

Cosa fare se finisco le ferie maturate a

Le ferie in Italia rappresentano un diritto e un dovere del lavoratore. Da un parte il datore di lavoro non può negare i giorni di riposo maturati ed è la stessa Costituzione a fissare questo principio. Dall'altra il lavoratore deve godere le ferie nei tempi stabiliti dalla normativa nazionale e dai Contratti collettivi nazionali di lavoro di categoria.

Tanto pere capire la varietà, basti sapere che tra i tanti ci sono quelli dei comparti Terziario e Servizi, Edilizia e legno, Alimentari, Credito e assicurazioni, Tessili, Trasporti, Meccanici, Agricoltura e Allevamento, Enti e Istituzioni Private, Chimica, Poligrafici e Spettacolo, Marittimi, Enti Pubblici.

Un caso particolare è rappresentato dalle ferie forzate ovvero da quelle obbligate al lavoratore da parte del datore.

Ricordando come non sempre sia possibile per l'azienda imporre giorni di riposo ai dipendenti, occorre considerare la possibili conseguenze di questa "forzatura" ovvero la fine dei giorni residui di ferie per il lavoratore fino alla fine dell'anno. Come comportarsi in questa situazione? Vediamo quindi

  • Ferie forzate, cosa fare se finisco le ferie maturate
  • Comportamento dell'azienda con ferie obbligate

Ferie forzate, cosa fare se finisco le ferie maturate

Il datore di lavoro può imporre le ferie al proprio dipendente, ma non lo può fare liberamente. Come vedremo meglio nel paragrafo successivo, devono sussistere motivi ben precisi che spingono a questa decisione.

Il rischio è però quello di "consumare" il periodo di riposo concesso per legge al dipendente che si ritrova così con pochi o senza alcun giorno di ferie fino alla successiva maturazione.

Al lavoratore full time impiegato per l'intero anno spettano infatti 4 settimane di ferie all'anno, di cui 2 da godere preferibilmente in maniera consecutiva e altre 2 nei successivi 18 mesi.

Nel caso in cui finisca le ferie maturate, anche per via del riposo forzato imposto dall'azienda, la sola alternativa che gli rimane è chiedere le ferie anticipate.

Si tratta di un vero e proprio anticipo con i giorni concessi che andranno scontati l'anno successivo al momento dell'effettiva maturazione della ferie. Si tratta di una opzione e non di un diritto perché l'azienda potrebbe anche rifiutare la concessione di questa possibilità e di conseguenza è tutto rimesso all'intesa tra le parti.

Comportamento dell'azienda con ferie obbligate

Verrebbe da chiedersi come sia possibile che le normative in vigore sia così sbilanciata a favore dell'azienda che può imporre le ferie forzate fino al punto da non consentire al dipendente di fruire di un diritto nelle modalità e nelle tempistiche che preferisce.

Ebbene, è possibile perché può obbligare alle ferie solo per ragioni ben precise e oggettive, come il rallentamento dell'attività da ricercare in ragioni interne ed esterne oppure per via di una chiusura temporanea. In caso contrario non può imporre le ferie forzate e il lavoratore può legittimamente rifiutare.

E se la questione finisce davanti a un giudice, l'azienda può essere condannata alla restituzione dei giorni di ferie fatti godere forzatamente.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie