Cosa è obbligatorio fare quando si cambia casa e si va a vivere in affitto

Cambio residenza, medico, documenti, pagamenti multe: quando si cambia casa quali sono pratiche e adempimenti da fare quando si va a vivere in affitto secondo leggi 2022 aggiornate

Cosa è obbligatorio fare quando si cambi

Cosa si deve fare obbligatoriamente quando si cambia casa e si va a vivere in affitto?

Quando si cambia casa e si decide di andare a vivere in affitto sono diversi adempimenti e pratiche che si devono svolgere come fare cambio di residenza, fare la cessazione delle utenze e attivazione delle nuove utenze nella casa in affitto, cambiare medico di base, compilare modulo per il pagamento della Tari per i rifiuti e comunicare il cambio di residenza a banca e assicurazione.
 

Cosa si deve fare obbligatoriamente quando si cambia casa e si va a vivere in affitto? Decidere di cambiare casa e andare a vivere in una casa in affitto può essere una scelta dettata da diversi motivi: può avvenire quando, per esempio, si decide di lasciare casa dei genitori ma non si è ancora pronti o grandi abbastanza da comprare una casa, o quando si lascia una casa per trasferirsi in un’altra città, anche solo temporaneamente. 

In ogni caso, è bene sapere che quando si cambia casa e si va a vivere in un’altra casa in affitto vi sono diverse pratiche e adempimenti da fare, non sempre, però, obbligatori. Vediamo quali sono. 

  • Cambiare casa e andare a vivere in affitto cosa si deve fare
  • Fare cambio di residenza quando si cambia casa e si va a vivere in affitto
  • Fare cessazione utenze e attivazione nuove utenze per cambio casa quando si va a vivere in affitto
  • Cambiare medico di base quando si cambia casa e si va a vivere in affitto quando farlo 
  • Comunicazione al Comune per pagamento Tari rifiuti
  • Dare comunicazione nuova casa in affitto a banca e assicurazione


Cambiare casa e andare a vivere in affitto cosa si deve fare

Quando si cambia casa e si decide di andare a vivere in affitto sono diversi adempimenti e pratiche che si devono svolgere come:

  • fare cambio di residenza;
  • fare la cessazione delle utenze e attivazione delle nuove utenze nella casa in affitto;
  • cambiare medico di base;
  • compilare modulo per il pagamento della Tari per i rifiuti;
  • comunicare il cambio di residenza a banca e assicurazione.

Fare cambio di residenza quando si cambia casa e si va a vivere in affitto

Quando si cambia casa e si va a vivere in affitto bisogna innanzitutto fare il cambio di residenza e trasferire il proprio indirizzo di reperibilità dalla casa precedente di residenza a quella nuova dove si va a vivere in affitto. 

Tuttavia, è bene sapere che, secondo le leggi in vigore, quando si va a vivere in una casa in affitto non è sempre obbligatorio anche cambiare la residenza se chi affitta casa la prende solo temporaneamente per motivi di studio o motivi di lavoro. Se, invece, si cambia casa e si va a vivere in affitto in una casa dove si stabilisce la propria dimora stabile e abituale, allora è obbligatorio cambiare la residenza.

Per fare il cambio di residenza quando si cambia casa e si prende una casa in affitto, sia all’interno del proprio Comune, sia in un altro Comune, bisogna presentare richiesta in Comune compilando un apposito modulo di dichiarazione di residenza da presentare presso l’ufficio dell’Anagrafe accompagnata dai seguenti documenti:

  • una copia di un valido documento di identità in corso di validità;
  • fotocopia fronte/retro del codice fiscale;
  • fotocopia del contratto di locazione, comodato d’uso o di acquisto della nuova residenza;
  • fotocopia della patente di guida;
  • fotocopia del libretto di motocicli e autoveicoli.

Una volta presentata al Comune la dichiarazione di residenza con i nuovi dati della residenza del soggetto interessato, l’ufficiale dell’anagrafe provvede a cambiare indirizzo del richiedente in tempo reale.

Fare cessazione utenze e attivazione nuove utenze per cambio casa quando si va a vivere in affitto

Quando si cambia casa e va a vivere in una casa in affitto, se si lascia un’altra casa già in affitto, è necessario procedere alla cessazione delle utenze per bloccare i contratti di fornitura e procedere alla attivazione di nuove utenze di elettricità, gas, telefono, Internet nella nuova casa in affitto. 

Se, però, ci sono utenze già attive intestate al precedente inquilino, è possibile richiedere il subentro, in modo tale da ricevere le bollette intestate a proprio nome.

Cambiare medico di base quando si cambia casa e si va a vivere in affitto quando farlo 

Altro adempimento da fare quando si cambia casa e si va a vivere in affitto è quello del cambio del medico di base. Per avere il medico di base bisogna recarsi alla Asl di competenza della città in cui si va a vivere in affitto e scegliere quello più vicino alla propria abitazione tra quelli disponibili nell’apposito elenco che la stessa Asl fornisce.

Anche il cambio del medico di base non è obbligatorio sempre quando si cambia casa e va a vivere in affitto: se, infatti, il cambio di casa e residenza avviene all’interno dello stesso Comune e si può mantenere il medico di base già scelto o assegnato, allora non è necessario procedere ad alcun cambio. Basta solo aggiornare i dati già in possesso del medico stesso.

Comunicazione al Comune per pagamento Tari rifiuti

Cambiare casa e andare a vivere in una casa in affitto, da soli o con il proprio compagno o compagna, o amici, implica anche l’obbligo di presentare apposita comunicazione del cambio di residenza all’ufficio tributi del Comune in modo da permettere allo stesso Comune di calcolare in maniera corretta gli importi della imposta sui rifiuti Tari da pagare.

La comunicazione al Comune deve essere presentata entro 20 giorni dal cambio di casa e residenza. 

Dare comunicazione nuova casa in affitto a banca e assicurazione

La comunicazione del cambio di residenza quando si cambia casa e si va a vivere in un’altra casa in affitto deve essere presentata anche alla propria banca e alla propria assicurazione per poter aggiornare tutti i nuovi recapiti, anche sulla patente di guida e sul libretto di circolazione.
 





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il