Cosa si può fare se il proprietario di casa in affitto non fa lavori concordati con inquilino per leggi 2021

Rimborso spese sostenute, causa davanti al giudice, riduzione del canone di locazione: cosa fare se proprietario di casa in affitto non fa lavori

Cosa si può fare se il proprietario di c

Cosa fare se il proprietario di casa in affitto non fa lavori concordati con inquilino?

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, sono diverse le soluzioni che si possono scegliere quando un proprietario di casa in affitto non fa lavori concordati con inquilino. E’, infatti, possibile pagare di tasca propria le spese nel caso di lavori urgenti e necessari in casa, per poi rifarsi sul proprietario chiedendo il rimborso dei costi sostenuti. Se il proprietario di casa non dovesse accontentare tale richiesta, si può procedere per vie legali facendo causa davanti al giudice al proprietario della casa in affitto che non vuole fare i lavori necessari. Altra soluzione è quella o di chiedere una riduzione del canone di affitto o di rivolgersi al giudice per sciogliere il contratto di affitto, se i vizi della casa sono talmente gravi da non permetterne più la vivibilità.
 

Cosa posso fare se il proprietario della casa in affitto non fa i lavori concordati? Quando si vive in una casa in affitto si hanno precisi obblighi da rispettare, a partire dal regolare pagamento del canone di locazione che deve essere versato sempre secondo quanto stabilito al momento della stipula del contratto, sia per importo e sia per tempistiche, per arrivare al pagare le spese di ordinaria manutenzione della casa che, per legge, spettano agli inquilini.

Al pari degli obblighi da rispettare, per gli inquilini di casa in affitto vi sono anche diritti riconosciuti, a partire dal rivolgersi ai proprietari di casa quando qualcosa di grave non va in casa, per esempio guasti di impianti, che devono essere sistemati e obbligatoriamente per garantire una vivibilità di casa ottimale. Il problema si pone quando il proprietario di casa in affitto non esegue i lavori concordati con l’inquilino. Vediamo cosa si può fare in questi casi.

  • Proprietario di casa in affitto non fa lavori concordati con inquilino cosa fare
  • Smettere di pagare l’affitto se proprietario di casa non fa lavori si può o no


Proprietario di casa in affitto non fa lavori concordati con inquilino cosa fare

Diverse sono le cose che si possono fare quando un proprietario di casa in affitto non esegue i lavori concordati con l’inquilino. Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, fare lavori urgenti e straordinari in una casa in affitto rientra tra i doveri che un proprietario di casa ha nei confronti dell'inquilino e quando sussiste la necessità di fare lavori nella casa in affitto in cui si vive, si contatta il proprietario di casa affinchè intervenga ma non lo fa, una delle soluzioni per continuare a vivere bene senza problemi e disagi in casa è quella di procedere con i lavori necessari, pagare l'importo dovuto e rifarsi poi sul proprietario, chiedere cioè a quest'ultimo il rimborso delle spese sostenute. 

Se la richiesta dell’inquilino di rimborso spese per fare lavori che il proprietario non ha voluto eseguire in casa non dovesse andare a buon fine, non resta che intraprendere le vie legali e fare causa allo stesso proprietario di casa

La causa davanti ad un giudice contro il proprietario di casa che non fa lavori concordati con l’inquilino si può intentare sia per ottenere eventuale rimborso delle somme spese per i lavori fatti dall’inquilino al posto del proprietario perché proprio necessari e urgenti, e sia per la richiesta di risoluzione del contratto di affitto

Nel primo caso, bisogna conservare tutta la documentazione che attesa lavori e spese sostenute dall’inquilino e inconfutabili, mentre nel secondo caso, è necessario che la casa presenti vizi talmente gravi da non permettere la prosecuzione della permanenza in essa. 

Precisiamo che ci si può rivolgere al giudice quando il proprietario di casa in affitto non fa i lavori concordati con l’inquilino anche quando si tratta di lavori urgenti che l’inquilino per mancanza di disponibilità economiche non può eseguire e che il proprietario deve, per legge, fare. 

Smettere di pagare l’affitto se proprietario di casa non fa lavori si può o no

Mai smettere di pagare l'affitto di casa di propria iniziativa: stando, infatti, a quanto previsto dalle norme in vigore, nessun inquilino può liberamente decidere di non pagare l'affitto di casa, anche se per validi motivi. Piuttosto, si potrebbe parlare con il proprietario della casa in affitto e che non fa i lavori concordati per un accordo sulla riduzione del canone di locazione.

Si può, infatti, smettere di pagare l’affitto solo quando la casa diventa completamente invivibile, per esempio se manca per un lungo periodo l’acqua calda o se ci sono guasti all’impianto elettrici che potrebbero diventare rischiosi per l’inquilino. 


 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il