Cosa significa accatastamento immobile. Spiegazione completa ma semplice

Significato di accatastamento di un immobile, chi e quando deve farlo e importanza ai fini della rendita catastale: cosa c’è da sapere

Cosa significa accatastamento immobile.

Cosa significa accatastamento di un immobile?

Accatastare un immobile nel Catasto Edilizio Urbano significa iscrivere un determinato immobile nella banca dati dell'Agenzia del Territorio. Sottolineiamo che l’accatastamento di un immobile è obbligatorio per tutte le tipologie di immobili e deve essere fatto dai titolari degli immobili stessi. 

Cosa significa accatastamento di un immobile? Quando si costruisce una casa o si ristruttura in vista di un determinato uso deve essere accatastato, procedura prevista dalla legge e assolutamente obbligatorio per ogni tipologia di immobile. Vediamo di spiegare il significato di accatastamento di un immobile.

  • Accatastamento immobile cosa significa e cosa prevede
  • Categorie per accatastamento immobile
  • Tempi necessari per fare accatastamento immobile


Accatastamento immobile cosa significa e cosa prevede

Accatastamento di un immobile nel Catasto Edilizio Urbano significa iscrivere un determinato immobile nella banca dati dell'Agenzia del Territorio. Sottolineiamo che l’accatastamento di un immobile è obbligatorio per tutte le tipologie di immobili e deve essere fatto dai titolari degli immobili stessi. 

Stando a quanto previsto dalla legge in vigore, l’accatastamento di un immobile deve essere fatto entro 30 giorni dal momento in cui lo stesso diviene abitabile o servibile all’uso di destinazione e ciò significa che se un immobile non è ancora abitabile o servibile all’uso a cui è destinato non deve essere iscritto in catasto.

Con l'accatastamento, gli immobili vengono censiti nel rispettivo Comune censuario, suddivisi per fogli di mappa, particelle e subalterni e viene attribuita ad ogni unità immobiliare una rendita catastale, calcolata in base a zona censuaria, categoria di appartenenza e classe, ed è proprio la rendita catastale la base su cui vengono calcolate le diverse imposte, dall’Imu, alle successioni, ecc.

Per l'accatastamento di un immobile bisogna innanzitutto fare la planimetria delle singole unità immobiliari e poi compilare specifici modelli tramite il programma ministeriale denominato DOCFA (Documento Catasto Fabbricati), che permette di attribuire la rendita catastale ad ogni immobile, cos’ come aggiornarla.

Categorie per accatastamento immobile

L'accatastamento di un immobile permette di attribuire ad ogni immobile una propria specifica categoria. Le categorie sono suddivise in gruppi in base a se si tratta di immobili a destinazione ordinaria (Gruppi A, B, C), a destinazione speciale (Gruppo D), a destinazione particolare (Gruppo E), altre destinazioni censibili nel Gruppo F (non soggette a rendita catastale).

In particolare:

  • rientrano nel Gruppo A abitazioni, per esempio, di tipo signorile, di tipo civile, di tipo popolare e ultrapopolare, di tipo rurale, ville e villini, castelli e palazzi di pregio, uffici e studi privati, abitazioni tipiche dei luoghi;
  • rientrano nel Gruppo B immobili, per esempio, come collegi, ospizi, caserme, case di cura e ospedali, prigioni e riformatori, uffici pubblici, scuole e laboratori scientifici, musei, biblioteche, gallerie, cappelle e oratori, magazzini sotterranei per derrate;
  • rientrano nel Gruppo C immobili come fabbricati per esercizi sportivi, tettoie chiuse e aperte, rimesse e autorimesse e scuderie, negozi e botteghe, laboratori per arti e mestieri, magazzini e locali di deposito;
  • rientrano nel Gruppo D immobili considerati a destinazione speciale come alberghi e pensioni, case di cura e ospedali, teatri e cinema, istituti di credito e assicurazioni, ecc;
  • rientrano nel Gruppo E immobili considerati a destinazione particolare come stazioni per servizi di trasporti, marittimi, aerei, terrestri, recinti chiusi per speciali, fari, semafori, torri per uso orologio comunale, ecc.

Tempi necessari per fare accatastamento immobile

Quanto tempo ci vuole per fare l’accatastamento di un immobile? Stando a quanto previsto dalle norme in vigore, l’accatastamento di un immobile avviene in 8-10 giorni lavorativi al massimo. 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il