Cosa succede se compromesso non rispettato da parte venditore o acquirente acquisto casa

Possibili opzioni da attuare nel caso compromesso per acquisto casa non venga rispettato da venditore o acquirente: cosa sapere e chiarimenti

Cosa succede se compromesso non rispetta

Cosa succede se venditore o acquirente non rispettano compromesso per acquisto casa?

Nel caso in cui venditore o acquirente non dovessero rispettare il compromesso di acquisto casa, le soluzioni che potrebbero prospettarsi sono due, da entrambe le parti, o svincolarsi dal contratto e chiedere il risarcimento danni o chiedere comunque il trasferimento coattivo della proprietà, in entrambe i casi rivolgendosi ai giudici di competenza.

Il compromesso è l’atto preliminare per il trasferimento della proprietà di una casa da venditore e acquirente che termina con il rogito, che sancisce il passaggio definitivo della proprietà. Il compromesso, dunque, a differenza del rogito non rappresenta la vendita vera e propria ma si tratta di una obbligazione tra venditore e acquirente che riporta dati e condizioni da rispettare per la vendita definitiva.

Può capitare che in sede di compromesso siano state stabilite condizioni che però non vengono rispettare. Cosa succede se il compromesso redatto in vista del rogito finale non viene rispettato dalle parti coinvolte ella compravendita di casa? Vediamo i casi che possono verificarsi.

  • Compromesso acquisto casa non rispettato da venditore cosa succede
  • Compromesso acquisto casa non rispettato da acquirente cosa succede

Compromesso acquisto casa non rispettato da venditore cosa succede

Se dovesse verificarsi un caso di inadempimento di venditore o acquirente in relazione al compromesso per la vendita di una casa, vi sono diverse opzioni che possono presentarsi. Se è il venditore a non rispettare il compromesso regolarmente stilato per l’acquisto di casa, l’acquirente può chiedere la restituzione di quanto pagato anticipatamente per la cosiddetta caparra confirmatoria che generalmente viene versata al momento del compromesso e anche una eventuale penale prevista per l’inadempimento.

Se il venditore di casa non rispetta il compromesso, l’acquirente è legittimato a svincolarsi dal contratto preliminare chiedendo, contestualmente, il risarcimento della perdita patrimoniale subita, ovviamente da dimostrare, e rivolgendosi al giudice competente; o può chiedere al Tribunale comunque il trasferimento coattivo della proprietà senza considerare il del venditore e in tal caso è tenuto al pagamento del residuo del prezzo al venditore inadempiente.

Compromesso acquisto casa non rispettato da acquirente cosa succede

Nel caso in cui a non rispettare il compromesso per l’acquisto di casa sia l’acquirente, valgono le stesse soluzioni appena riportate. Se, infatti, l’acquirente non rispetta il compromesso per l’acquisto di casa, il venditore può chiedere al tribunale la risoluzione del contratto ed un eventuale risarcimento dei danni subiti, può solo trattenere la caparra già versata dall’acquirente, o può chiedere al giudice anche il trasferimento coattivo della proprietà della casa oggetto di contratto preliminare.

Se, però, dovessero verificarsi casi specifici e motivi determinati come errore o incapacità delle parti stipulanti, o raggiro, o violenza psicologica o fisica che ha portato al compromesso, l’acquirente potrebbe essere legittimato a non rispettare il compromesso per l’acquisto di casa. E’ tuttavia necessario, anche in questi casi, per non incorrere in eventuali sanzioni, dimostrare chiaramente i motivi tra quelli appena riportati che hanno portato l’acquirente e non rispettare il compromesso.  

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie