Da quando si può richiedere l'Isee 2022 aggiornato e a chi rivolgersi per farlo

Per richiedere l'Isee occorre rivolgersi all'Inps oppure a un Caf. Ecco tutto quello che c'è da sapere in vista del 2022.

Da quando si può richiedere l'Isee 2

Isee 2022 aggiornato, da quando si può richiedere?

Sin da gennaio è possibile elaborare l'Isee 2022. Quando serve per presentare una domanda di agevolazione, l'Isee si può richiedere in qualunque momento dell'anno.

Conto alla rovescia per l'Isee 2022. La normativa fa riferimento a quelle regole che prevedono che i dati reddituali del nucleo familiare si compongono della dichiarazione dei redditi e della Certificazione unica, dei canoni di locazione percepiti e degli importi relativi agli assegni percepiti o corrisposti destinati al coniuge e ai figli.

E poi: delle certificazioni venditori porta a porta e di quelle attestanti altri redditi percepiti nel corso dell'anno precedente, dei redditi di lavoro prestato nelle zone di frontiera e di quelli da attività agricola, dei redditi da lavoro dipendente prestato all'estero tassati solo all'estero e di quelli esenti o non imponibili non erogati dall'Inps se non in ragione della disabilità, fino ad arrivare ai contributi ricevuti da enti. Vediamo quindi:

  • Isee 2022 aggiornato, da quando si può richiedere

  • A chi rivolgersi per richiedere l'Isee 2022

Isee 2022 aggiornato, da quando si può richiedere

Sin da gennaio è possibile elaborare l'Isee 2022. Quando serve per presentare una domanda di agevolazione, l'Isee si può richiedere in qualunque momento dell'anno. Altri aspetti cruciali di Isee 2022 sono quelli relativi ai dati del patrimonio mobiliare e immobiliare del nucleo familiare.

Nel primo filone rientrano Iban e codice fiscale di tutti gli intermediari che gestiscono il patrimonio mobiliare, la giacenza media dei conti correnti e dei libretti di risparmio da richiedere all'istituto bancario e postale, il saldo contabile, al lordo degli interessi, di depositi e conti correnti bancari, postali, libretti postali anche per rapporti aperti ed estinti, le carte di debito prepagate, il valore nominale dei titoli di Stato ed equiparati, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi e assimilati, il valore risultante dall'ultimo prospetto redatto dalla società di gestione per azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio.

Tra i dati del patrimonio immobiliare del nucleo familiare, aspettando l'automatismo del modello Isee 2022 rientrano invece la visura catastale di terreni e fabbricati, il valore delle aree edificabili, la quota di capitale residuo del mutuo stipulato per l'acquisto o costruzione di qualsiasi immobile posseduto dal nucleo familiare, il valore ai fini Ivie di immobili situati all'estero e relativi mutui.

A chi rivolgersi per richiedere l'Isee 2022

Per richiedere l'Isee occorre rivolgersi all'Inps oppure a un Caf. Si ottiene rapportando l'Indicatore della situazione economica al parametro della scala di equivalenza, applicato al nucleo familiare in relazione al numero dei componenti e alle eventuali maggiorazioni che rendono il calcolo più vantaggioso.

Nel caso di presentazione di domanda di rinnovo dell'Isee 2022 occorre portare con sé una copia della tessera sanitaria di ciascun componente del nucleo familiare, da cui mutuare i singoli codici fiscali.

Così come serve documentare con la relativa certificazione l'eventuale condizione di disabilità di uno o più componenti del nucleo familiare. Per i depositi e i conti correnti bancari e postali l'Istituto di cui si è clienti è tenuto a rilasciare la dichiarazione del saldo contabile attivo al 31 dicembre 2021 e della giacenza media annua del 2021. Se la casa di abitazione è di proprietà va dichiarato il valore ai fini Imu al 31 dicembre 2021.

L'Isee 2022 differisce sulla base della tipologia di prestazione richiesta ovvero Isee corrente; prestazioni agevolate rivolte a minorenni, in presenza di genitori non conviventi; prestazioni agevolate di natura sociosanitaria; prestazioni per il diritto allo studio universitario.

Se l'Isee fa riferimento ai redditi percepiti nel secondo anno solare precedente la Dsu in presenza di rilevanti variazioni delle entrate a seguito di eventi negativi, non riflettono la reale situazione economica del nucleo familiare.

Viene data pertanto la possibilità di calcolare un Isee corrente basato sui redditi degli ultimi 12 mesi o anche degli ultimi due mesi in caso di lavoratore dipendente a tempo indeterminato per cui sia intervenuta la perdita, sospensione o riduzione dell'attività lavorativa.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il