Differenze tra Etf fisici e sintetici nel 2021

Gli investitori in fondi fisici hanno la certezza che il portafoglio è tenuto in un deposito separato. Gli investitori di Etf sintetici hanno accesso al paniere collaterale.

Differenze tra Etf fisici e sintetici ne

Etf fisici e sintetici, quali sono le differenze?

Nel caso degli Etf fisici viene replicato il benchmark comprando con lo stesso peso i titoli che compongono il paniere dell'indice di riferimento. Diverso è invece il funzionamento degli Etf sintetici. Anche se puntano a replicare l'indice preso a riferimento, cercando di raggiungere questo obiettivo utilizzando contratti derivati, i cosiddetti swap.

Cresce l'interesse degli investitori italiani per gli Etf (Exchange traded funds) e allo stesso tempo aumenta la conoscenza di questo strumento che è facilmente accessibile. Gli Etf si caratterizzano infatti per essere fondi poco costosi che ripetono l’indice e vengono negoziati in borse valori regolamentate. Consentono di acquisire un'esposizione a indici azionari o settori noti con un solo trading.

Quando si parla di Etf occorre però considerare la loro varietà. Non esiste una sola tipologia e la prima importante distinzione da fare è tra Etf fisici ed Etf sintetici. In entrambi i casi gli investitori possono comperare e vendere gli Exchange traded funds nei giorni di negoziazione sulle borse regolamentate tramite conti di intermediazione ordinari. Approfondiamo quindi:

  • Etf fisici e sintetici, quali sono le differenze
  • Elementi fondamentali Etf da considerare

Etf fisici e sintetici, quali sono le differenze

In tutti i casi, gli Etf sono fondi di tipo aperto. Detto in alti termini, i partecipanti autorizzati possono creare nuovi Etf in base alla domanda. La liquidità del fondo riflette quella del patrimonio netto sottostante. Nel caso degli Etf fisici viene replicato il benchmark comprando con lo stesso peso i titoli che compongono il paniere dell'indice di riferimento. Diverso è invece il funzionamento degli Etf sintetici. Anche se puntano a replicare l'indice preso a riferimento, cercando di raggiungere questo obiettivo utilizzando contratti derivati, i cosiddetti swap.

Entrando allora nei dettagli delle differenze tra queste due soluzioni di investimento, gli Etf fisici cercano di replicare i risultati di un indice di riferimento detenendo fisicamente tutti o un campione rappresentativo dei componenti dell'indice sottostante.

Il gestore del portafoglio dell'Etf è responsabile della gestione dei flussi di cassa derivanti dal pagamento di interessi e dividendi, nonché dalle operazioni degli investitori. Gli Etf sintetici investono in panieri sostitutivi o collaterali di titoli che potrebbero non essere correlati al benchmark tramite accordi di swap con una o più controparti che accettano di pagare il rendimento del benchmark. Di conseguenza il rendimento dell'Etf sintetico è garantito dalla controparte.

Dal punto di vista operativo è importante far notare che ciascun Etf è un fondo indipendente, le cui attività sono separate per la sicurezza dell'investitore. In pratica l'emittente non detiene denaro dell'investitore poiché tutta la gestione dei contanti e dell'esposizione è affidata a operatori terzi.

Elementi fondamentali Etf da considerare

Un elemento fondamentale degli Etf sintetici è quindi il rischio di controparte. Gli investitori in fondi fisici hanno la certezza che il portafoglio di titoli è tenuto in un deposito separato.

Gli investitori di Etf sintetici hanno accesso al paniere collaterale o sostitutivo di titoli in caso di fallimento, ma se il rendimento dell'indice di riferimento è superiore al rendimento del paniere sostitutivo in un determinato periodo di tempo coperto dallo swap, gli investitori sono esposti al rischio di controparte per tale differenza qualora la controparte non onori il proprio impegno nei confronti del fondo. Dato il rischio di controparte coinvolto nei sintetici, ci si domanda perché gli investitori dovrebbero considerare di utilizzarli. Ci sono due ragioni principali.

Il ribilanciamento del portafoglio a causa di cambiamenti in un indice di riferimento comporterà costi di negoziazione che erodono i rendimenti di un Etf, sebbene aiuti un fondo a fare un lavoro migliore per abbinare il rendimento di un indice. La necessità di ribilanciare viene eliminata negli Etf sintetici, poiché non replicano fisicamente l'indice, nel senso che non negoziano i titoli reali sottostanti un indice.

Inoltre, un certo grado di rischio di controparte può essere introdotto in un Etf fisico tramite fondi che cercano di guadagnare entrate extra attraverso la pratica di prestare i titoli sottostanti ad altri partecipanti al mercato in cambio di garanzie.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il