Differenze tra Isee ordinario e Isee corrente 2022. Chi e quando deve fare l'uno o altro

Quando si presenta Isee ordinario e quando l’Isee Corrente e cosa cambia tra i diversi modelli: cosa prevedono norme in vigore e chiarimenti

Differenze tra Isee ordinario e Isee cor

Qual è la differenza tra Isee ordinario e Isee corrente 2022?

La differenza tra Isee ordinario e Isee corrente consiste nella validità del documento rispetto a situazione economica e patrimoniale del richiedente e relativo nucleo familiare. L’Isee Ordinario si presenta a inizio di ogni anno per certificare la situazione economica equivalente delle famiglie, in generale, e richiedere prestazioni agevolate, bonus e aiuti in base al valore Isee calcolato, mentre l’Isee Corrente è una sorta di aggiornamento del valore dell’Isee ordinario da fare quando nel corso dell’anno di validità dell’Isee ordinario si verificano variazioni e modifiche o della situazione economica reddituale o della situazione patrimoniale. 
 

Quali sono le differenze tra Isee ordinario e Isee corrente 2022? L’Isee, che è l’Indicatore della situazione economica equivalente che misura la ricchezza di singole persone o famiglie italiane, deve essere presentato ogni anno dalle famiglie interessate per poter beneficiare di aiuti economici, prestazioni agevolate, bonus, sconti che si possono erogare solo entro determinate soglie di valori Isee.

  • Isee ordinario e Isee corrente quali sono le differenze?
  • Isee Corrente chi deve presentarlo e quando

Isee ordinario e Isee corrente quali sono le differenze?
 

La differenza principale tra Isee ordinario e Isee corrente risiede nel tempo e nel motivo di presentazione del modello stesso. L’Isee ordinario deve essere richiesto ogni anno dal primo gennaio per la richiesta di agevolazioni, bonus, sconti, aiuti presentando tutta la documentazione prevista dalla legge relativa a richiedente e tutti i componenti del suo nucleo familiare. 

Il valore Isee risultante permette di chiedere specifiche prestazioni agevolate, molte delle quali variano in base al valore Isee della famiglia. L’Isee ordinario si presenta a partire dal primo gennaio di ogni anno e ha validità sempre fino alla fine dell’anno per cui è stato richiesto, quindi al 31 dicembre di ogni anno. 

L’Isee Corrente si può, invece, presentare in ogni momento dell’anno, al verificarsi di situazioni particolari che implicano variazioni reddituali o patrimoniali del nucleo familiare e che quindi cambiano la situazione economica rispetto a quanto emerso dall’Isee Ordinario. 

Isee Corrente chi deve presentarlo e quando

Se l’Isee ordinario per ricevere agevolazioni e bonus deve essere presentato da tutte le famiglie che hanno intenzione di richiedere le prestazioni agevolate a partire dal primo gennaio di ogni anno, l’Isee corrente può essere presentato in qualsiasi momento dell’anno dopo aver fatto l’Isee ordinario da parte di soggetti per cui si verificano nel periodo di validità dell’Isee ordinario variazioni economiche, sia di redditi che di patrimonio del richiedente.

Dal primo aprile 2022, stando alle ultime novità approvate, si può presentare un nuovo modello Isee corrente 2022, con i valori del patrimonio mobiliare ed immobiliare dell'anno precedente, per il 2022 il riferimento è all’anno 2021 e nei seguenti casi specifici:

  • se si verifica una variazione della situazione patrimoniale del nucleo familiare;
  • se si verifica una variazione della situazione reddituale superiore al 25% rispetto alla situazione reddituale calcolata nell’Isee ordinario;
  • se un lavoratore dipendente con contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato perde il posto o subisce una riduzione o sospensione del lavoro; 
  • se un lavoratore autonomo appartenente al nucleo familiare cessa la propria attività;
  • se uno o più membri del nucleo familiare perdono trattamenti assistenziali o previdenziali o eventuali altre indennità percepite.





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il