Dis Coll 2020 estensione 2 mesi è automatica o necessario fare domanda. Importi e tempi pagamento

Al netto di questa estensione, ricordiamo che la Dis Coll non può superare la durata massima di 6 mesi, al termine dei quali si rimane senza sussidio.

Dis Coll 2020 estensione 2 mesi è automa

L'estensione della Dis Coll per 2 mesi è ufficiale. La misura è stata inserita nel decreto Rilancio ed è già esecutiva. Si tratta di quell'indennità di disoccupazione che viene corrisposta tutta i mesi dall'Inps ai soli collaboratori coordinati e continuativi (anche noti come co.co.co.) che hanno perso involontariamente il lavoro.

Tra i destinatari rientrano anche i lavoratori a progetto. Estensione a parte per via dell'emergenza sanitaria attraversata dall'Italia, la durata è variabile e l'assegno viene corrisposto per un numero di mesi pari alla metà dei mesi di contribuzione, pagati nel periodo che va dal primo gennaio dell'anno solare precedente il termine dell'esperienza di lavoro.

Nel calcolo della durata non si tiene conto dei periodi di contribuzione che hanno permesso l'erogazione della prestazione. Al netto di questa estensione, ricordiamo che la Dis Coll non può superare la durata massima di 6 mesi, al termine dei quali si rimane senza sussidio.

Ma vediamo cosa è cambiato adesso con la normativa provvisoria d'emergenza e più esattamente analizziamo

  • Estensione Dis Coll per 2 mesi, è automatica o no
  • Arrivano 2 mesi in più di Dis Coll

Estensione Dis Coll per 2 mesi, è automatica o no

Il primo aspetto da evidenziare è che l'estensione della Dis Coll per 2 mesi spetta solo ai lavoratori il cui periodo di fruizione si è esaurito fra il primo marzo e il 30 aprile 2020. Viene riconosciuta agli iscritti in via esclusiva alla gestione separata dell'Inps che, al momento della domanda, erano in stato di disoccupazione e che avevano maturato almeno un mese di contribuzione.

Allo stesso tempo veniva chiesto di poter far valere, nell'anno solare in cui si era verificata l'interruzione del lavoro, di un mese di contribuzione oppure un rapporto di collaborazione di almeno un mese di durata e che aveva dato luogo a un reddito almeno pari alla metà dell'importo che dà diritto alla ricezione di un mese di contribuzione.

Ebbene, il possesso di questi requisiti non va ribadito perché l'estensione dei 2 mesi di Dis Coll è automatica e non è necessario fare domanda.

Si ricorda che il diritto a ricevere questa indennità si configura dal momento in cui la domanda viene inoltrata all'ufficio competente per cui è eventualmente consigliabile di inviare la richiesta subito dopo l'interruzione del rapporto di lavoro.

Arrivano 2 mesi in più di Dis Coll

Nei 2 mesi di estensione della Dis Coll non varia l'importo mensile che continua a essere rapportato al reddito medio mensile percepito durante il periodo di contribuzione.

La somma è pari al 75% dello reddito. Restano identiche le modalità di accredito della Dis Coll (a meno che non si voglia cambiarle) e dunque su conto corrente bancario o postale, libretto di risparmio o carta prepagata con Iban, bonifico domiciliato presso Poste Italiane, allo sportello di un ufficio postale del comune di residenza o di domicilio.

Al pari della Naspi, la Dis-Coll viaggia di pari passo con la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro ovvero il documento che il disoccupato deve sottoscrivere per la ricezione del sostegno al reddito.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie