Dove vedere gli assegni familiari in busta paga e come leggere correttamente la voce

Gli assegni familiari tra le voci retributive della busta paga: come fare a trovarli e leggere correttamente la voce. Chiarimenti

Dove vedere gli assegni familiari in bus

Dove si vedono gli assegni familiari in busta paga?

Gli assegni familiari sono riportati in busta paga nella parte centrale della busta dove sono indicate tutte le voci retributive. Gli assegni familiari vengono, infatti, indicati insieme a voci come retribuzione minima tabellare, ore di straordinario, eventuali indennità e premi, Edr contrattuale, elemento distinto della retribuzione, festività, scatti di anzianità, ecc.
 

Gli assegni familiari sono un trattamento economico erogato dall’Inps a lavoratori dipendenti e titolari di altre prestazioni economiche previdenziali derivanti da lavoro subordinato e di alcune categorie di iscritti alla gestione Separata. 

L’importo relativo agli assegni familiari deve essere richiesto dal lavoratore, non viene riconosciuto automaticamente, e viene erogato ogni mese a chi ne beneficia e riportato in busta paga. Dove vedere gli assegni familiari in busta paga?

  • Dove vedere gli assegni familiari in busta paga
  • Come leggere correttamene voce assegni familiari in busta paga

Dove vedere gli assegni familiari in busta paga

Gli assegni familiari sono riportati in busta paga nella parte centrale della busta dove sono indicate tutte le voci retributive. Gli assegni familiari vengono, infatti, indicati insieme a voci come retribuzione minima tabellare, ore di straordinario, eventuali indennità e premi, Edr contrattuale, elemento distinto della retribuzione, festività, scatti di anzianità, ecc.

Come leggere correttamene voce assegni familiari in busta paga

Per l'importo relativo agli assegni familiari riconosciuti al lavoratore, per leggere correttamente la voce è bene sapere che in busta paga sono riportati i seguenti dati relativi agli assegni familiari e sono: 

  • codice tabella Anf da applicare al nucleo familiare;
  • numero di componenti del nucleo familiare;
  • livello di reddito;
  • giorni per cui spetta l’assegno familiare;
  • importo previsto dell’assegno familiare;
  • importo di eventuali assegni arretrati;
  • importo di eventuali assegni recuperati;
  • importo totale dell’assegno familiare spettante.

Il calcolo dell’importo degli assegni familiari viene effettuato dall’Inps e si basa su tipologia del nucleo familiare, numero dei componenti del nucleo familiare e reddito complessivo del nucleo familiare. Lo stesso Inps poi si occupa della contestuale erogazione degli stessi assegni, sulla base della composizione del nucleo familiare e del reddito di tutto il nucleo.

Precisiamo che ogni anno cambia l’importo degli importi degli assegni familiari e i nuovi importi Inps sono in vigore dal primo luglio 2020 e fino al 30 giugno 2021. Dal primo luglio 2021, ricordiamo che gli assegni familiari saranno inglobati nel nuovo assegno unico per i figli.
 
 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il