Energia elettrica a prezzo fisso per le aziende. Spiegazione e significato

In un piano tariffario dell'elettricità fisso, il cliente è vincolato a un prezzo fisso che dura per tutta la durata del contratto, che può essere a lungo o a breve termine.

Energia elettrica a prezzo fisso per le

Qual è il significato del prezzo fisso energia elettrica per le aziende?

In un piano tariffario dell'elettricità completamente fisso, il cliente è vincolato a un prezzo fisso che dura per tutta la durata del contratto, che può essere a lungo o a breve termine. Indipendentemente dalle fluttuazioni del mercato, il prezzo per chilowattora rimane lo stesso per l'intero periodo.

Una tariffa a prezzo fisso consente di fissare la spesa per un determinato periodo di tempo e senza alcuna sorpresa. Conviene per le aziende? Dipende. Perché le sorprese possono essere anche di segno positivo.

I prezzi sono generalmente diversi dalla tariffa standard ovvero variabile, ma è garantito che rimarranno allo stesso livello per la durata del contratto. Con una varietà di strategie di prezzo da considerare, non c'è una scelta generale "giusta" o "sbagliata" quando si valutano strategie di prezzo fisse e indicizzate.

Lo spettro di mercato per le opzioni di prezzo va dal prezzo dell'elettricità completamente fisso (con tutti i componenti bloccati per la durata del contratto) al prezzo dell'elettricità completamente indicizzato (con tutte le componenti passate a tariffe di mercato).

Sebbene esistano opzioni che combinano elementi di prezzo fisso e indicizzato, la comprensione di entrambe le estremità dello spettro è cruciale per identificare quale piano funzionerà meglio per la propria azienda. Quando si prende questa decisione è importante considerare il budget assegnato, la tolleranza per il rischio energetico, la gestione dei picchi di carico strategie e dei piani operativi. Vediamo allora nel dettaglio:

  • Prezzo fisso energia elettrica per le aziende, spiegazione
  • Significato e valutazione prezzo fisso energia elettrica

Prezzo fisso energia elettrica per le aziende, spiegazione

In un piano tariffario dell'elettricità completamente fisso, il cliente è vincolato a un prezzo fisso che dura per tutta la durata del contratto, che può essere a lungo o a breve termine. Indipendentemente dalle fluttuazioni del mercato, il prezzo per chilowattora rimane lo stesso per l'intero periodo.

Le aziende in genere scelgono un piano tariffario fisso per avere certezza della spesa e mitigare il rischio di un aumento del prezzo mensile. È particolarmente vantaggioso in un mercato in cui si prevede che i prezzi continueranno a salire.

Tuttavia, se i prezzi di mercato scendono durante la durata del contratto si rimane vincolati al prezzo più alto e non si beneficerà dei tassi di mercato più bassi. Il rischio è comprare nella parte superiore del mercato quando i prezzi sono aumentati, solo per vedere il mercato svendersi e diminuire i costi. Ma si rimane bloccato a pagare un tasso fisso più alto per il resto della durata del contratto.

Significato e valutazione prezzo fisso energia elettrica

Un piano tariffario per l'elettricità indicizzato si trova all'estremità opposta rispetto a quello fisso. Mentre tutti i componenti sono bloccati a un prezzo completamente fisso, i componenti dei prezzi indicizzati sono proposti al cliente in base alle oscillazioni di mercato.

Non esiste una formula da manuale per decidere quale piano tariffario dell'elettricità si adatta meglio alle esigenze di approvvigionamento energetico di un'azienda. Diversi fattori esterni, come il budget a disposizione, il fabbisogno energetico e i fattori di mercato influenzano il prezzo che alla fine resta impresso sulla bolletta dell'elettricità.

Spesso la scelta di un piano di approvvigionamento misto, come il modello di determinazione del prezzo a blocchi e indici, può fornire il massimo vantaggio perché sfrutta entrambe le estremità, ma in definitiva le prestazioni dipendono dalla tempistica, dall'attività di mercato e dal benchmark per la valutazione delle prestazioni.

Già, perché tra le due estremità c'è anche la possibilità di combinare elementi di prezzo fisso con prezzo indicizzato. I blocchi a prezzo fisso sono strategicamente posizionati durante la durata del contratto per proteggersi da periodi di tempo tipicamente volatili, ad esempio gennaio e febbraio o nelle ore di punta in estate.

Blocchi di varie dimensioni possono essere strutturati per intervalli di tempo. Le coperture possono anche essere stratificate nel tempo fino a quando non si arriva a un prezzo fisso del 100%, riducendo il rischio associato all'acquisto in un singolo momento.

Alcuni fornitori offrono la possibilità di piazzare coperture in base a percentuali di carico atteso. Sebbene ogni fornitore abbia i la propria strategia, solitamente con informazioni di mercato e raccomandazioni si riesce a individuare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il