Entro quanti anni pagamento Tari va in prescrizione

I termini della prescrizione previsti per il mancato pagamento della Tari è di cinque anni: da quando decorrono i termini e chiarimenti

Entro quanti anni pagamento Tari va in p

Entro quanti anni il pagamento della Tari sui rifiuti va in prescrizione?

I termini della prescrizione previsti per il mancato pagamento della Tari, imposta sui rifiuti, è di cinque anni, esattamente come per tutti i tributi locali. Ciò significa che se sono trascorsi più di 5 anni dall’anno in cui avrebbe dovuto essere effettuato il pagamento, il Comune non può più pretendere il pagamento della Tari mandando un avviso di accertamento.

La Tari è l’imposta sui rifiuti che devono pagare tutti i cittadini che occupano aree e superfici suscettibili di produrre rifiuti, come stabilito dalle leggi in vigore. Non esiste un termine fisso e valido per tutte le città di pagamento della Tari. Ogni Comune può, infatti, stabilire le date di pagamento della Tari e in quante rate eventualmente dividere il pagamento. Ma se non si paga la Tari, il suo pagamento si prescrive? Vediamo quando si prescrive il pagamento della Tari sui rifiuti.

  • Entro quanti anni pagamento Tari va in prescrizione
  • Procedura per prescrizione pagamento Tari

Entro quanti anni pagamento Tari va in prescrizione

Il pagamento della Tari sui rifiuti deve avvenire entro le scadenze fissate dal proprio Comune di residenza tramite bollettino precompilato che lo stesso Comune invia direttamente a casa dei cittadini. Se non si paga, per evitare del tutto il suo pagamento bisogna aspettare che il pagamento vada in prescrizione.
 
I termini della prescrizione previsti per il mancato pagamento della Tari, imposta sui rifiuti, è di cinque anni, esattamente come per tutti i tributi locali. Ciò significa che se sono trascorsi più di 5 anni dall’anno in cui avrebbe dovuto essere effettuato il pagamento, il Comune non può più pretendere i pagamento della Tari mandando un avviso di accertamento.

Se, però, il Comune invia al cittadino un avviso di accertamento prima dei 5 anni necessari per la prescrizione, interrompe i termini che iniziano nuovamente a decorrere da quando si riceve l’avviso. Se nel frattempo, poi, si ricevere una cartella di pagamento, la prescrizione si sposta dal tributo alla cartella e anche per la cartella gli anni per la prescrizione per mancato pagamento della Tari è di 5 anni.

Procedura per prescrizione pagamento Tari

Il termine dei cinque anni di prescrizione del pagamento dell’imposta sui rifiuti Tari decorre dal momento del mancato pagamento della cifra Tari da versare. Se, infatti, il cittadino non paga la Tari entro il termine di scadenza fissato dal proprio Comune di residenza, lo stesso Comune invia un avviso di accertamento per sollecitare il pagamento.

Se il cittadino continua ad essere inadempiente, il Comune affida il compito di recuperare quanto dovuto di imposta sui rifiuti all’Agente della Riscossione che invia la cartella esattoriale per il pagamento della Tari e, dopo 60 giorni dalla notifica della cartella, l’esattore può procedere all’esecuzione forzata.

Se, però, il Comune non invia alcun avviso di accertamento al cittadino entro cinque anni dalla scadenza di versamento dell’imposta o dopo l’avviso di accertamento per il sollecito di pagamento e l’eventuale successiva cartella da parte dell’Agente di Riscossione non avviene altro e non si svolge altra attività, allora la cartella Tari va in prescrizione trascorsi cinque anni dal momento in cui il Comune non invia più al cittadino alcun tipo di sollecito di pagamento.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie