Errori su pensioni, sono oltre 500mila i ricorsi attuali verso INPS e crescono

Calcoli errati, mancati riconoscimenti di trattamenti, ritardi nei tempi di lavorazione delle istanze: ecco perché piovono ricorsi all’Inps

Errori su pensioni, sono oltre 500mila i

Perché piovono migliaia di ricorsi all’Inps?

Gli ultimi dati parlano di oltre 500mila ricorsi contro l’Inps da parte di cittadini che denunciano, soprattutto, problemi ed errori di calcolo della pensione finale, ritardi nei pagamenti, errori e mancati cumuli o ricongiunzione nei calcoli finali. Ma lo stesso Inps sottolinea anche i problemi di ritardo nei tempi di lavorazione delle istanze, soprattutto in riferimento alle pensioni di invalidità.
 

Sono sempre troppi gli errori sulle pensioni da parte dell’Inps e tantissimi i ricorsi da parte dei cittadini che subiscono problemi a causa degli errori Inps sulle pensioni. Si tratta di una situazione che oggi risulta essere particolarmente critica ma che, in realtà, da sempre si verifica. Vediamo quali sono gli errori Inps sulle pensioni e cosa sta accadendo.

  • Errori Inps su pensioni ed è pioggia di ricorsi
  • Ricorsi Inps e rimborsi per cittadini


Errori Inps su pensioni ed è pioggia di ricorsi

Le ultime notizie parlano di errori sulle pensioni da parte dell’Inps per calcoli, cumuli, ricongiunzioni e, in generale, nelle fasi di valutazione delle domande. Si tratta nella maggior parte di pensioni che vengono calcolate in maniera errata, pensioni di importo inferiore a ciò che dovrebbero, pensioni che non arrivano, o mancato riconoscimento di pensioni di invalidità. 

Il Civ, Comitato di indirizzo e vigilanza dell'Ente, parla, infatti, non solo di errori di calcolo ma anche di problemi di tempi di lavorazione e smaltimento delle istanze soprattutto in riferimento alle pensioni di invalidità. Secondo i dati riportati dal Comitato, al 31 ottobre le pratiche ancora in giacenza erano ben 931mila, tra prime visite e revisioni, numero cresciuto dell'11% rispetto a gennaio 2021.

Sono problemi che ad oggi hanno portato ad una pioggia inarrestabile di ricorsi, circa 500mila, e destinati ancora a crescere. I ricorsi all’Inps per le pensioni si traducono in costi per l’ente di milioni di euro all’anno (tra 200 e 300 milioni), tra spese legali e rimborsi.

Ricorsi Inps e rimborsi per cittadini

I ricorsi all’Inps da parte dei cittadini si risolvono, secondo i dati resi noti, nel 40% dei casi a favore dei cittadini, con, stando ai dati riportati dal Rendiconto sociale degli ultimi 4 anni elaborato dal CIV, il 13% dei casi in cui il ricorso si chiude senza alcuna necessità di ricorrere alla fase successiva di giudizio, per cui l’Inps ammette l’errore, provvede al rimborso e risparmia sulle spese legali, e l’87% dei casi di ricorso che vanno avanti, risolvendosi però in gran parte sempre a favore dei cittadini.





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il