Falsa autocertificazione, cosa si rischia. Sanzioni e conseguenze

Quando una autocertificazione diviene falsa e quali sono le conseguenze per chi fornisce falsa autocertificazione da multe a reclusione

Falsa autocertificazione, cosa si rischia. Sanzioni e conseguenze

Cosa si rischia per falsa autocertificazione?

Sono diverse le conseguenze cui si va incontro per falsa autocertificazione e le sanzioni sono non solo di tipo pecuniario fino a 1.500 euro, variabile in base alla gravità della falsa dichiarazione fornita, ma prevedono anche la reclusione da uno a sei anni.

 

Dichiarare il falso producendo falsa autocertificazione rappresenta un reato e prevede sanzioni e conseguenze che possono arrivare fino alla detenzioni. L’autocertificazione è una dichiarazione che viene prodotta da un determinato soggetto ad un organismo pubblico al posto di un certificato ufficiale e che può essere presentata in casi di concorsi pubblici o per esami o altri situazioni. Vediamo cosa rischia chi presenta falsa autocertificazione.

  • Sanzioni e conseguenze per falsa autocertificazione
  • Reclusione per falsa autocertificazione

Sanzioni e conseguenze per falsa autocertificazione

Si compie reato per falsa autocertificazione quando si dichiarano sotto la propria responsabilità e in fede informazioni non veritiere, anche solo in parte, sulla propria persona tramite dichiarazione scritta, come dati falsi in autocertificazioni per titoli di studio, autocertificazione di residenza, autocertificazione Stato di famiglia.

Per essere punibile penalmente una falsa autocertificazione deve essere resa ad un pubblico ufficiale e avere come oggetto l’identità, lo stato o altre qualità della propria o dell’altrui persona.

Il codice penale prevede sanzioni chi con ‘artifizi o raggiri’ con multe comprese tra i 51 e i 1.032 euro che aumentano tra i 309 e i 1.549 euro se il fatto è commesso a danno dello Stato o di un altro ente pubblico.

Reclusione per falsa autocertificazione

Stando a quanto previsto dall’articolo 495 del Codice Penale, chiunque dichiari con falsa autocertificazione dati relativi alla propria identità, stato o qualità della propria persona o di un soggetto terzo, può rischiare la reclusione da uno a sei anni.

La reclusione non può essere inferiore ai due anni quando la falsa autocertificazione riguarda le dichiarazioni in atti dello Stato Civile.








Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie