Fondi comuni obbligazionari migliori 2020, con rendimenti maggiori nonostante il covid

I fondi obbligazionari possiedono singole obbligazioni di diverse scadenze, quindi l'impatto della performance è ridotto se l'emittente non riesce a pagare interessi o capitale.

Fondi comuni obbligazionari migliori 202

Quali sono i migliori fondi comuni obbligazionari?

Al di là delle tante inevitabili particolarità, tra gli obbligazionari flessibili globali considerati migliori ci sono LM Brandywine Global Income Optimiser, M&G (Lux) Global Macro Bond, T.Rowe Price Dynamic Global Bond Fund, HSBC GIF Global Bond Total Return, Pramerica Sicav Strategic Bond.

Per molti investitori, un fondo obbligazionario è un modo più efficiente di investire in obbligazioni rispetto all'acquisto di singoli titoli.

I fondi comuni di investimento obbligazionari sono come i fondi comuni di investimento azionari in quanto si collocano i soldi in un paniere con altri investitori e un professionista investe quelle cifre in base a quelle che ritiene le migliori opportunità.

Alcuni fondi obbligazionari mirano a imitare l'ampio mercato, investendo in obbligazioni a breve e lungo termine di una varietà di emittenti.

Altri fondi obbligazionari si concentrano su una fetta più ristretta del mercato obbligazionario, come un fondo del Tesoro a breve termine o un fondo aziendale ad alto rendimento. Alla luce dell'attuale situazione, vediamo

  • Migliori fondi comuni obbligazionari sul mercato
  • Rendimenti maggiori fondi comuni obbligazionari

Migliori fondi comuni obbligazionari sul mercato

Tutti i fondi comuni di investimento hanno spese operative che includono i costi di gestione. Alcuni hanno spese di vendita che vengono detratti dall'importo dell'investimento iniziale.

Alcuni possono addebitare una commissione di rimborso per le azioni vendute entro un determinato periodo di tempo. Altri possono addebitare una piccola commissione annuale sul conto. Al di là delle particolarità, tra gli obbligazionari flessibili globali considerati migliori ci sono

  • LM Brandywine Global Income Optimiser
  • M&G (Lux) Global Macro Bond
  • T.Rowe Price Dynamic Global Bond Fund
  • HSBC GIF Global Bond Total Return
  • Pramerica Sicav Strategic Bond

Come spiegato al settimanale l'Economia dal Corsera da Brian Kloss, portfolio manager del fondo LM Brandywine Gi Optimiser, tra le obbligazioni con rating BBB, BB e B- la preferenza va a settori che hanno un'inclinazione più ciclica, come l'automotive e il minerario che dovrebbero registrare un netto miglioramento con la ripresa post lockdown, oltre a essere supportati da stimoli monetari e fiscali.

E anche se non prevede una significativa variazione dei rendimenti, raccomanda di ridurre la scadenza media dei titoli che aumenta la sensibilità del portafoglio alla variazione dei tassi. Infine, a suo dire gli investitori in euro dovrebbero guardare verso le monete dei mercati emergenti più sviluppati.

I fondi obbligazionari consentono di acquistare o vendere le quote ogni giorno. Inoltre, permettono di reinvestire automaticamente i dividendi del reddito e di effettuare ulteriori investimenti in qualsiasi momento.

Rendimenti maggiori fondi comuni obbligazionari

I fondi obbligazionari in genere possiedono un numero di singole obbligazioni di varie scadenze. L'impatto della performance di ogni singola obbligazione è quindi ridotto se l'emittente non riesce a pagare gli interessi o il capitale.

I gestori di portafoglio e gli analisti professionisti hanno l'esperienza e la tecnologia per ricercare l'affidabilità creditizia degli emittenti obbligazionari e analizzare le informazioni di mercato prima di prendere decisioni di investimento. In questo quadro, tra gli obbligazionari high yield dollaro rientrano

  • Axa WF US Dynamic High Yield Bonds
  • Pictet Us High Yield P
  • TML US High Yield Bond
  • Muzinich America Yield
  • MS Us Dollar High Yield Bond

Sempre al settimanale l'Economia dal Corsera, John Fekete, gestore del fondo Pictets High Yield, riferisce che il mercato high yield Usa ispira sempre più fiducia anche se restano alcuni dubbi.

C'è prudenza sui settori direttamente colpiti dal covid, come attività crocieristica, hotel, noleggio auto e compagnie aeree, e su quelli che subiscono effetti indiretti come energia, commodity e automotive, per puntare piuttosto su chi ha una liquidità sufficiente a resistere a una recessione e un significativo valore non espresso.

I valori nascosti - argomenta - sono nel segmento con rating CCC, i titoli con pagella di affidabilità molto bassa. In particolare nei titoli ciclici, alcuni dei quali figurano anche tra i più colpiti dalla pandemia, come appunto energia, case da gioco e hotel che lavorano con i turisti e meno con le società.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie