Fondi di investimento passivi. Significato e spiegazione 2021

La maggior parte dei fondi passivi viene gestita automaticamente anziché da un gestore di fondi, il che riduce drasticamente i costi di gestione.

Fondi di investimento passivi. Significa

Cosa sono i fondi di investimento passivi?

I fondi passivi sono un strumento di investimento che segue la performance di un particolare mercato o indice. Oltre ai fondi comuni di investimento o alle società di investimento di tipo aperto, i fondi passivi possono anche essere Etf (Exchange Traded Funds) quotati in borsa.

Gli investitori dispongono oggi una varietà di opzioni di investimento tra cui scegliere. Soprattutto chi non è molto esperto può considerare di investire in schemi di fondi comuni di investimento relativamente semplici come i fondi passivi.

Ci sono alcune ragioni ben precise per cui i fondi di investimento passivi sono considerati una interessante fonte di rendimento. Hanno un costo inferiore rispetto ai fondi attivi.

Poiché investe in proporzione in un mercato replicandone l'indice, il fondo ottiene all'incirca il rendimento di mercato al netto delle commissioni.

Tuttavia, se una o poche società sono dominanti nel proprio mercato, il fondo passivo potrebbe non essere così diversificato come ci si aspetterebbe. Ma se queste sono le linee generali di questa forma di investimento non ci resta che analizzare tutti i dettagli:

  • Significato fondi di investimento passivi
  • Fondi di investimento: spiegazione 2021

Significato fondi di investimento passivi

I fondi passivi sono un strumento di investimento che segue la performance di un particolare mercato o indice. Oltre ai fondi comuni di investimento o alle società di investimento di tipo aperto, i fondi passivi possono anche essere Etf (Exchange Traded Funds) quotati in borsa.

In genere detengono tutte le risorse nell'indice che stanno monitorando o un campione rappresentativo. In genere, la maggior parte dei fondi passivi viene gestita automaticamente anziché da un gestore di fondi, il che riduce drasticamente i costi di gestione.

Gran parte del dibattito tra strategie attive e passive si riduce a questo problema. In sostanza, il dibattito ruota attorno al fatto sull'opportunità di pagare i costi più elevati imposti dai gestori di fondi attivi o se si è più propensi a godere di maggiori rendimenti a lungo termine attenendosi a veicoli passivi più economici.

Nel caso dei fondo attivi, gli investitori pagano commissioni annue superiori rispetto ai fondi passivi. La differenza tra le cifre può sembrare esigua ma nel tempo il loro impatto sui rendimenti può essere considerevole.

I fondi passivi non comportano infatti la partecipazione attiva di un gestore di fondi e di conseguenza la loro commissione è molto inferiore rispetto a quella addebitata da un fondo gestito attivamente. Il motivo per cui i fondi passivi stanno guadagnando popolarità tra gli investitori in Italia è il proprio il basso rapporto di spesa.

Il coinvolgimento di un gestore in un fondo indicizzato è relativamente inferiore. Questo perché i fondi indicizzati imitano gli indici. Uno dei motivi principali per cui i fondi attivi e passivi hanno enormi differenze nel loro rapporto di spesa.

Nei fondi attivi, i gestori finanziari devono svolgere molte ricerche di settore e di conseguenza spostare i fondi in vari titoli in base alle prestazioni del mercato. Di conseguenza la gestione attiva più costosa in quanto sono necessarie molte ricerche e altro lavoro per l'investimento. Ma non è il caso dei fondi passivi che sono quindi meno costosi.

Fondi di investimento: spiegazione 2021

Come abbiamo visto, un fondo passivo segue un indice di mercato per consentire a un fondo di ottenere i massimi guadagni. Il gestore del fondo non sceglie attivamente di quali azioni sarà composto il fondo, come nel caso di un fondo attivo. Questo di solito rende i fondi passivi più facili da investire rispetto ai fondi attivi.

Secondo i critici dell'investimento passivo, i fondi replicano un indice sottoperformeranno sempre il mercato quando si tiene conto dei costi. Al contrario, i gestori attivi possono potenzialmente offrire rendimenti da battere sul mercato scegliendo attentamente le azioni che detengono.

Sostengono anche che le strategie passive non possono proteggere gli investitori da periodi di volatilità. Se il mercato che un particolare fondo sta seguendo subisce un crollo, lo stesso farà il valore del portafoglio.

D'altro conto per i sostenitori dell'investimento passivo molti gestori di fondi attivi di investimento non riescono a battere il mercato a lungo termine. E cercare di scegliere quelli che lo faranno è difficile poiché le prestazioni passate di un manager non dovrebbero mai essere viste come un'indicazione dei loro rendimenti futuri.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il