Gli incentivi del 2017 per l'acquisto di auto elettriche

Scattano gli sconti per l’acquisto delle auto elettriche: dall’esenzione bollo auto al libero passaggio alle zone ZTL. Altra novità non meno importante arriva dal decreto Retrofit che equivale alla riqualificazione dei veicoli a benzina.

Gli incentivi del 2017 per l'acquisto di auto elettriche

Cosa sono gli incentivi auto elettriche?

Sono una serie di agevolazioni fiscali previste, per favorire l’acquisto delle auto ecologicamente compatibili. Gli incentivi auto elettriche sono una carrellata di sconti che vanno dall’esenzione del bollo auto al libero accesso in città, niente più divieto zona ZTL. Per gli amanti della propria vettura a benzina è arrivata Retrofit che riqualifica il veicolo trasformandolo da benzina a elettrico. 

Nel nostro Paese l’auto elettrica non ha avuto fino a oggi “vita facile”, se pur rappresenta un prodotto valido ecologicamente compatibile con l’ambiente, non è stata amata subito. Diciamolo chiaramente, non è scattata la “scintilla” con l’automobilista, troppo perplesso che spesso la guardava con molta diffidenza. Tanto che nel 2016, sono state registrate circa mille immatricolazioni auto elettriche, in più rispetto all’anno precedente, ma di certo un numero limitato.

Gli incentivi del 2017 per l'acquisto di auto elettriche

La mancata crescita sul mercato delle auto elettriche è dovuta non solo allo scetticismo degli automobilisti increduli sulle prestazioni della vettura, ma dal prezzo dell’auto e dalla reperibilità delle stazioni di ricarica. La paura che affligge gli automobilisti è quella di restare a “secco”. Di certo, il solo pensarlo già di per se è una brutta sensazione. 

Tutti i problemi risulterebbero risolti grazie a nuovi stanziamenti di fondi diretti all’innovazione che assicurerebbero una diminuzione del prezzo, e la costruzione di nuove stazioni di ricarica, specie sulle autostrade. La vera svolta arriverà solo nel 2022 quando si presume che l’auto a benzina sarà spazzata via dall’auto elettrica.

Gli incentivi auto elettriche puntano alla diffusione della vettura su larga scala. Un giorno non lontano sostituirà egregiamente la vecchia auto. Tanto che per gli automobilisti innamorati della propria vettura a benzina è stato creato un Retrofit capace di sostituire le componente dell’auto trasformandola in un auto elettrica.

Perché usare gli incentivi auto elettriche per acquistarle? Il prezzo delle vetture elettriche è abbastanza rilevante, ma la loro diffusione (forse) lo è ancora di più. Calcolando i benefici ambientali che ne derivano lo Stato italiano non è intervenuto direttamente con una serie di agevolazioni fiscali, ma sono presenti svariati motivi che portano a costatare solo benefici derivanti dall’acquisto di un auto elettrica.

Quali sono i vantaggi nell’acquisto di un auto elettrica? Acquistando una nuova auto elettrica di certo contribuiremo in modo attivo promuovendo un’economia sostenibile. I vantaggi non sarebbero pochi, di seguito vi elenchiamo i primi 6, quali:

  1. nessun esborso di denaro per il bollo auto per i primi cinque anni;
  2. libero accesso per le strade delle città, le auto elettriche non inquinano di conseguenza per loro non vige il divieto di zone a traffico limitato (ZTL);
  3. non viene versato alcun centesimo per il parcheggio nelle strisce blu;
  4. una notevole riduzione nei consumi, in equivalenza di km percorsi, la ricarica della vettura elettrica è pari a 1/3 nei confronti del costo del pieno di un carburante;
  5. se la vostra vita punta verso l’energia sostenibile e avete istallato un impianto fotovoltaico, calcolate che le ricariche dell’auto risulterebbero completamente a costo zero;
  6. 4 mila euro d'incentivi auto elettriche per tutti gli abitanti della Regione Alto Adige per lo sviluppo di un'economia sostenibile a favore dei cittadini e delle imprese.

Che cos’è il kit di Retrofit? Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con decreto n. 219 del 2015, concede un sistema di trasformazione che garantisce la conversione dell’auto a benzina in una elettrica.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Antonella Tortora
pubblicato il
Ultime Notizie