I debiti finanziari dei genitori con banche possono ricadere sui figli da vivi o da morti nel 2021

Il denaro può essere una cosa difficile da discutere, soprattutto con i membri della famiglia. Tuttavia, è importante affrontare tempestivamente le questioni finanziarie.

I debiti finanziari dei genitori con ban

I debiti dei genitori ricadono sui figli?

I figli rispondono dei debiti finanziari dei genitori se c'è di mezzo una fideiussione o una convivenza con pignoramento mobiliare.

La maggior parte dei figli non ha familiarità con la situazione finanziaria dei genitori fino a quando la mamma o il papà non hanno bisogno di aiuto per gestire le finanze. Oppure viene avviato il processo di successione dopo la morte di un genitore.

Può accadere che i genitori anziani incontrino difficoltà a far quadrare i conti con risparmi e redditi limitati. Molti non pagano le bollette o si rivolgono alle banche e alla finanziarie per coprire le spese.

I membri della famiglia spesso temono di essere responsabili del rimborso di questi debiti, ma è davvero così? I debiti finanziari dei genitori con banche possono ricadere sui figli da vivi o da morti nel 2021?

La differenza di base è proprio questa: se i debiti finanziari dei genitori con banche si manifestano mentre sono in vita oppure se derivano da genitori morti con eredità. Approfondiamo la questione:

  • I debiti dei genitori ricadono sui figli o no
  • Come gestire la situazione finanziaria tra genitori e figli

I debiti dei genitori ricadono sui figli o no

Liberarsi del debito con le banche può essere un processo lungo e arduo, soprattutto se reddito e patrimonio minimi. I figli rispondono se c'è di mezzo una fideiussione.

Si tratta del caso in cui hanno fatto da garante per un prestito o un mutuo che il genitore non è più in grado di pagare. In buona sostanza, la banca si rivale sui figli fino a che il debito non viene estinto.

L'altro caso in cui i debiti finanziari dei genitori con banche possono ricadere sui figli da vivi è la convivenza con pignoramento mobiliare. In pratica, anche i figli conviventi possono subire il pignoramento di beni di valore.

Viene invece a cadere l'automatismo se i genitori sono morti. I debiti ricadono sulle spalle dei figli solo se quest'ultimi accettano espressamente l'eredità.

Se il genitore muore prima che il figlio possa mettere in ordine i loro affari, le opzioni potrebbero essere limitate perché le procure scadono alla morte. Il figlio può essere chiamato a gestire i debiti e le decisioni finanziarie solo se accetta l'eredità.

In questo modo diventa responsabile della raccolta e della gestione dei beni dei genitori, della risoluzione dei debiti, della distribuzione dei beni personali, della presentazione della dichiarazione dei redditi e del pagamento delle bollette.

A seconda delle dimensioni del patrimonio dei genitori, gestire gli obblighi finanziari in sospeso con le banche può essere un processo complesso. Ricordiamo che questo principio non viene applicato nel caso di sanzioni o multe. Queste ultime sono infatti considerate di natura personali e non vengono tramandati con la successione.

Come gestire la situazione finanziaria tra genitori e figli

La situazione di ogni famiglia è unica. Avere controlli finanziari con i genitori nelle prime fasi fa la differenza quando arriva il momento di subentrare nel pagamento delle bollette o saldare i debiti finanziari con le banche che si sono lasciati alle spalle.

Il denaro può essere un argomento difficile da discutere, soprattutto con i membri della famiglia. Tuttavia, è importante affrontare tempestivamente le questioni finanziarie attuali e future. Non farlo mette l'intera famiglia in una posizione di svantaggio.

Anche una comprensione generale delle fonti di reddito, delle spese e delle responsabilità di un genitore può dare ai figli adulti un vantaggio quando si tratta di aiutare a raggiungere la solvibilità o amministrare un patrimonio. L'adozione di misure per ridurre i debiti futuri è un altro fattore chiave.

Meglio controllare i registri dei genitori per determinare se stanno sostenendo spese non necessarie che aumentano le difficoltà finanziarie e l'esposizione con le banche. Ad esempio, parte del debito deriva da addebiti automatici o abbonamenti per prodotti o servizi che non sono più necessari o convenienti?

I pagamenti vengono effettuati in tempo o sono soggetti a ulteriori penali per il ritardo? Ottenere un controllo sui pagamenti automatici e rallentare le spese riduce l'ammontare del debito accumulato dai genitori.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il